Tramonto

(Mario Rapisardi, Giustizia, 1883)

Le immagini confortanti che aprono questa scena di tramonto autunnale, il rosseggiare delle viti ed il saltellare dei pettirossi sulle smosse zolle di terra, lasciano subito posto, ed il cielo di un color grigiocenere ne è presagio, ad immagini di solitudine, di sofferenza e di malinconico abbandono. L’intenso profumo dei muschi e delle vinacce si mescola all’odore selvaggio della preda individuata dai cani, ancora ignara del suo destino. Un senso cupo di morte si fa strada. E il carbonaio solo sembra percepire il legame inquietante fra l’idilliaca pace autunnale ed il nostro destino.

(Beretta Roberto)

TRAMONTO

Porporeggian le viti a la campagna
Nel bigio autunno in sul mancar del sole;
Il pettirosso invita la compagna
A saltellar su le zappate ajuole;

Nel vòto stabbio querula si lagna
La vaccherella a cui tolta è la prole;
Per l’erma strada il poverel si duole
Co’l cencioso fanciul che l’accompagna.

L’aure senton di muschi e di vinaccia;
E lontan, l’uste de la fiera scòrte,
Latran le mute signorili in caccia;

Mentre a’ figli pensando e a la consorte
Il nero carbonajo alza la faccia,
E con bieco pensier fischia a la morte.

___________________

Mario Rapisardi (1844-1912)

________________

 :roll:  poesie 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>