Mattina

M’illumino

d’immenso

(Giuseppe Ungaretti, Santa Maria La Longa, 26 gennaio 1917)

E’ l’alba di un nuovo giorno, è l’alba di un nuovo anno. Un sentimento di speranza e di gioia suscita nel cuore la luce del mattino. La luce è la materia dell’universo. La luce è la bellezza e l’incommensurabilità del cosmo. Noi, fatti della stessa sostanza luminosa, osserviamo estatici e ci sentiamo in armonia con l’immensità e nell’infinità dell’universo (r.b.)

 

La mente corre inevitabilmente all’Infinito di Leopardi ed alla “siepe che tanta parte dell’ultimo orizzonte il guardo esclude”. Il pensiero del poeta immagina l’infinito nascosto e rivelato dai suoni della natura, vicina ma talvolta aspra e matrigna, con un movimento dall’uomo all’universo. Nella Mattina di Ungaretti invece con moto opposto la natura irrompe e investe l’essere umano facendolo partecipe della sua immensità. Nel primo il desiderio romantico o l’illusione di trovar significato in un tutto e di essere accolto nel grembo della natura, nel secondo la consapevolezza positivistica di essere della medesima sostanza e parte integrante di un ente infinito che dispensa forza ed energia di vita. (r.b.)

________________________________________________

151° Unità d’Italia, Modena, 1 gennaio 2012, Beretta Roberto

________________________________________________________

 :roll:  POESIE

< Natale <  > la tregua >

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>