Se questo è un uomo

GIORNATA DELLA MEMORIA 2012

(Primo Levi, Se questo è un uomo, Einaudi, 1947)

Sopravvissuto ad Auschwitz, Levi scrive questa poesia alla fine della seconda guerra. Essa è l’introduzione di un libro intitolato appunto: “Se questo è un uomo” : la testimonianza dell’autore sulla vita nei lager tedeschi. La poesia si apre con la descrizione della disumana vita quotidiana di uomini e donne durante la loro deportazione contrapposta al calore degli affetti del focolare domestico.

I prigionieri del lager erano privati invece dei sentimenti, degli ideali, ed anche del proprio volto, esseri disumanizzati e resi uguali, senza alcun potere di opposizione alle condizioni estreme in cui erano costretti a vivere. Queste brevi descrizioni sono introdotte da frasi con una sfumatura interrogativa: Considerate se questo è un uomo oppure Considerate se questa è una donna. Possono essere intese in due modi:

  • La sorpresa e la rabbia dell’autore di fronte alle condizioni di vita che gli sono state imposte assieme agli altri deportati
  • La dimostrazione al lettore di quale era della vita nei lager

La poesia si conclude con un appello pressante al lettore, infatti nella seconda parte, che inizia con: “Vi comando queste parole”, l’ autore esprime un terribile ammonimento a coloro che oseranno dimenticare le sofferenze di quelle persone che, sebbene innocenti, sono state vittima della cattiveria dell’uomo. Che la loro casa crolli, che siano resi inabili dalla malattia, che siano dimenticati e dai propri figli.

(Silvia Beretta, Modena, 29 gennaio 2012, 151° Unità d’Italia)

___________________

SE QUESTO E’ UN UOMO

Voi che vivete sicuri

Nelle vostre tiepide case

Voi che trovate tornando a sera

Il cibo caldo, i visi amici.

Considerate se questo è un uomo:

Che lavora nel fango,

Che non conosce pace,

Che lotta per mezzo pane,

Che muore per un si o per un no.

Considerate se questa è una donna:

Senza capelli e senza nome,

Senza più forza di ricordare

Vuoti gli occhi e freddo il grembo,

Come una rana d’inverno.

Meditate che questo è stato,

Vi comando queste parole

Scolpitele nel vostro cuore

Stando in casa o andando per via,

Coricandovi o alzandovi,

Ripetetele ai vostri figli:

O vi si sfaccia la casa,

La malattia vi impedisca,

I vostri nati torcano il viso da voi

_______________________________

Primo Levi

__________

 :roll:  poesie

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>