Non cambia nulla

Ci siamo ingenuamente illusi con la partecipazione al voto, che gli amministratori della cosa pubblica si sarebbero messi immediatamente all’opera all’indomani dei referendum, per promuovere un confronto nel paese o quantomeno in parlamento, sui temi dell’energia dell’acqua e della giustizia, secondo le scelte indicate dai cittadini? Sbarrata la via al nucleare, tecnicamente per almeno cinque anni o senza un nuovo parlamento, ma politicamente per decenni, speravamo che il parlamento varasse senza indugi un nuovo piano energetico nazionale basato sulrisparmio e le fonte rinnovabili per non lasciare il paese privo di fornitura energetica adeguata allo sviluppo? Credevamo in una nuova legge per l’acqua basata sulle indicazioni della normativa europea, che liberasse investimenti atti a completare gli impianti di depurazione e riparare gli acquedotti colabrodo, che mettesse mano agli enti inefficienti gestiti dalla partitocrazia con lo scopo di moltiplicare le poltrone, le assunzione facili ed ottenere consenso elettorale? La domanda e l’affermazione di giustizia uguale per tutti avrebbe dovuto dar vita ad una vera e reale riforma dell’apparato giudiziario volta a migliorarne il funzionamento nell’interesse generale, attraverso la riduzione dei tempi dei processi, la certezza della pena, la restituzione di dignità ai magistrati servitori dello stato, infine con nuove assunzioni ed investimenti ? No, nessuna illusione, speranza, fiducia, positiva tensione nell’azione è possibile con la delega al ceto politico.

Ci ha pensato la nuova agenda del governo a trasferire invece l’attenzione dell’opinione pubblica su nuovi temi, certamente altrettanto importanti per il paese, e che vanno debitamente affrontati, l’immigrazione e le tasse, secondo la collaudata tecnica dello spostamento dell’interesse mediatico dalla percezione di una spiacevole verità, verso gli annunci demagogici e le promesse. L’energia e l’acqua possono aspettare la prossima emergenza. Nei corridoi del palazzo intanto si continua a credere ed a lavorare al riparo al fine di ripresentare vergognose leggi ad personam quali la prescrizione breve, già approvata alla Camera con la fiducia ed in attesa del voto del Senato, il processo breve, il processo lungo, una norma blocca-Ruby, ed ostinatamente la tante volte sbandierata epocale riforma della giustizia, che altro non è che la liberticida sottomissione del potere giudiziario all’esecutivo.

L’obbiettivo non è il bene pubblico, ma il mantenimento della poltrona, e la fuga dalle personali responsabilità. Chiniamoci finchè passi la piena. E’ necessario che tutto cambi perché nulla cambi.

Modena, 18 giugno 2011

Beretta Roberto

______________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>