Un esempio per l’Italia

Pordenone, 11 maggio 2014, Davide Tonicello.

A Roberto, che puntualmente ogni anno mi chiede di fargli un’ articolo per “Cittadiniditalia” sulla Adunata Nazionale degli Alpini, dico grazie. Grazie per l’opportunità di far conoscere, per chi ancora non lo sapesse, cos’è l’ Associazione Nazionale Alpini, chi sono, cosa fanno e perché.

L’adunata Nazionale 2014 si è tenuta nella bella cittadina friulana di Pordenone, terra di Alpini, con una grande partecipazione ed entusiasmo da parte dei pordenonesi. 480.000 presenze giunte da tutta l’Italia ed anche dall’estero testimoniano il grande evento. Nei tre giorni di festa la “Cittadella degli Alpini (allestita e curata dall’esercito) posizionata nel cuore della città al parco Galvani, è stata visitata da oltre 83 mila persone a cui si aggiungono 600 scolaresche nell’apertura a loro dedicata il giovedì.

Una moltitudine di tricolori coloravano le case, le vie i palazzi, negozi ed uffici, tutto era una bandiera.

La calorosa accoglienza dei cittadini è stata entusiasmante, dalle loro case lanciavano fiori offrivano da bere e gridavano w gli alpini, è questa l’Italia che vogliamo vedere! Che dire poi delle mamme che cantavano insieme a noi la vecchia canzone, mamma son tanto felice, e mentre cantavano, piangevano, allungando le mani cercando le nostre. Beh, anche per noi Alpini c’è stata commozione.

L’adunata è┬á iniziata alle ore nove,┬á con lo sfilamento della bandiera di guerra del 3ò reggimento artiglieria da montagna della Julia, seguita dallo striscione ed il motto di quest’anno “GLI ALPINI: UN ESEMPIO PER L’ITALIA” , seguita dai gonfaloni┬á del comune di Pordenone e di tutti gli altri comuni friulani. Poi la volta dei reduci di guerra trasportati da camionette d’epoca, dalle sezioni all’estero e da quelle italiane suddivise in┬á cinque settori. Ultima┬á a sfilare, sotto la pioggia, ma non se ne sono neanche accorti, la sezione di Pordenone con i suoi┬á 7000 alpini. Al termine Ammaina bandiera e passaggio della stecca agli Alpini abruzzesi che ci attendono l’anno prossimo per la┬á 88ò Adunata Nazionale a l’Aquila.

Se poi mi chiedete, gli italiani amano o stimano di più gli Alpini? Dico solo che l’Italia deve semplicemente essere orgogliosa dei suoi Alpini. L’ANA è nata nel 1919 per volere dei reduci della Grande Guerra a ricordo dei tanti amici che si sacrificarono per difendere la Patria, “i sacri confini che la natura stessa ci aveva donato”, e per consolidare l’Unità d’Italia. L’associazione è da sempre composta da uomini semplici, gente di montagna, leale, rispettosa, onesta attenta a chi è in difficoltà, per un Alpino il si è si e il no è no. Non esistono compromessi.

Elencare tutte le attività di soccorso, di aiuti e di solidarietà sarebbe impossibile. Ricordo per├▓ che la sola Protezione civile dell’ANA è composta da 15.000 volontari attivi, divisi in quattro Raggruppamenti. Il 1┬║ comprende i volontari di Liguria, Piemonte e Valle d’Aosta; il 2┬║ quelli della Lombardia e dell’Emilia Romagna; il 3┬║ gli alpini del Triveneto e il 4┬║ gli alpini del Centro Sud.

Qualche numero: oltre 400 mezzi operativi; utilizzo di frequenze radio riservate, autorizzate dal Ministero delle Poste Telecomunicazioni; convenzioni stipulate con Regioni, Provincie, Comunità Montane e altri enti territoriali; 1 ospedale da campo composto da 20 shelter con unità operatorie, radiologiche, cardiografiche, di analisi, farmacia; 13 tensiostrutture di supporto, officina, cucina, ecc; 5 magazzini con materiali ed attrezzature; 113 unità cinofile; 81 squadre sezionali attive a livello provinciale con autosufficienza logistica ed operativa; 3 sezioni a rotazione sempre allertate 24 ore; 19 squadre antincendio boschivo (A.I.B.) di 2ò livello.

Specializzazioni: Alpinisti, Subacquei, Sanitari, Telecomunicazioni radio (T.L.C.), Squadre antincendio boschivo (A.I.B.),┬á Unità cinofile di soccorso (U.C.S.).

_____________________________

153° Unità d’Italia, 11 maggio 2014, Davide Tonicello

_________________________________________

 

Messaggio di saluto agli alpini del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano

“In occasione della 87┬¬ Adunata degli alpini, rivolgo il mio deferente pensiero ai Caduti e saluto il Labaro dell’Associazione, simbolo della dedizione al dovere che da sempre contraddistingue le penne nere. Nella sua ultracentenaria storia il glorioso Corpo, custode di antiche tradizioni e dei più alti e nobili valori umani e morali, ha offerto un contributo straordinario, in guerra e in pace, alla costruzione del nostro Paese.

Oggi gli alpini, in prima linea nelle missioni internazionali per la sicurezza e la stabilizzazione delle aree di crisi e negli interventi di soccorso e assistenza alle popolazioni colpite da calamità naturali, costituiscono una componente fondamentale e altamente apprezzata dell’Esercito e delle Forze Armate. In questa giornata, il mio plauso va anche all’Associazione che, con la generosità e la laboriosità della gente di montagna e traendo esempio e insegnamento dalla preziosa esperienza militare degli aderenti, si prodiga costantemente senza risparmio in attività a sostegno del Paese e dei cittadini.

Essa svolge, in particolare, una meritoria opera di accompagnamento e guida delle nuove generazioni che oggi stentano a trovare una sicura rotta per indirizzare le proprie energie vitali verso un impegno attivo, consapevole e responsabile nella società. Con questi sentimenti e con l’augurio per una perfetta riuscita della manifestazione, rinnovo il mio apprezzamento alla specialità e all’Associazione e invio a lei e a tutti i convenuti in Pordenone un caloroso saluto.”

Giorgio Napolitano



Messaggio di saluto del ministro della Difesa Roberta Pinotti.

“Alpini d’Italia, in occasione della 87┬¬ Adunata Nazionale sono particolarmente lieta di far giungere a tutti voi il sentito e affettuoso saluto del Governo, delle Forze Armate e mio personale.
Desidero anche ringraziare sentitamente l’Amministrazione comunale, la Provincia, la Regione, le autorità e tutti coloro che hanno reso possibile questa Adunata e in particolare gli abitanti di Pordenone. Città da sempre vicina alla storia e alle tradizioni degli alpini, per l’affetto e la simpatia con cui hanno accolto le nostre Penne Nere, ma anche per il sostegno e l’assistenza loro fornite.

Il mio più vivo apprezzamento va all’Associazione Nazionale Alpini, al suo presidente Sebastiano Favero e a tutti i soci, per l’organizzazione della manifestazione odierna, ma anche per le numerose iniziative riguardanti la solidarietà e l’impegno civile che questo sodalizio svolge in Italia e all’estero.
Adunate e incontri come questi sono utili, non solo per rafforzare quei vincoli che legano gli alpini e tutte le Forze Armate al Paese, ma anche per il fondamentale ruolo svolto nel tramandare alle giovani generazioni l’amore per la Patria.

Quella degli alpini è una gloriosa epopea, di uomini uniti nei valori più genuini della vita militare e dalle tradizioni della gente di montagna, che ha segnato i momenti più importanti della nostra storia con pagine di eroismo, in particolare nel primo e secondo conflitto mondiale e nella guerra di liberazione. Ma anche┬á nelle più recenti missioni di pace internazionali, le penne nere hanno sempre dimostrato valore, affidabilità, e spirito di sacrificio, non esitando a mettere a repentaglio la propria vita per il bene comune.

Ai  Caduti alpini di ieri e di oggi, che fedeli al giuramento prestato non hanno esitato a sacrificare la propria vita per il bene del paese, rivolgo un pensiero commosso e grato. Essi non saranno dimenticati.

Il loro ricordo è ravvivato quotidianamente dalle donne e dagli uomini che, con la penna┬á nera seguitano a fare più che il loro dovere, sempre e comunque, anche nelle condizioni più estreme. Anche grazie a coloro che, non indossando più le stellette, seguitano a mettersi al servizio della comunità con iniziative sociali e Protezione Civile.

Sicura di poter interpretare oltre al mio pensiero anche quello di tutto il popolo italiano, vi ringrazio ancora e vi auguro il pieno successo della manifestazione e sempre maggiori fortune.”

Roberta  Pinotti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>