Il ragazzo calabrese

Quando Edmondo de Amicis scrive questo racconto, tratto dal libro “Cuore”, siamo nel 1886, l’Italia è appena nata. La scena si svolge in una scuola elementare di Torino, i piemontesi sono in fin dei conti quelli che ci hanno guadagnato di più, hanno sì fatto l’ Italia, con l’ aiuto di tanti patrioti, ma, vuoi mettere, hanno ingrandito il loro stato, conquistando ed annettendo altri stati italiani, e il loro re è diventato Re d’ Italia, un bell’ avanzamento di carriera !

Mentre il maestro Perboni sta spiegando la lezione, accompagnato dal direttore della scuola entra in classe un ragazzo che sembra molto diverso da me nell’ aspetto, certamente uno straniero, viene infatti dalla Calabria, una terra di uno di quegli innumerevoli staterelli italiani che c’ erano fino a poco tempo fa, il Regno delle due Sicilie, un posto che noi bambini non sappiamo nemmeno dove si trova, ed infatti il maestro, dopo aver pronunciato quel nome sconosciuto, deve affrettarsi alla carta geografica appesa al muro vicino alla lavagna, per indicare col dito un punto lontanissimo, ma che deve per forza esistere perché ha un nome, Reggio Calabria.

Il ragazzo calabrese tace, è sperduto e i suoi grandi occhi neri guizzano e quasi sembrano cercare da quale parte potrebbe velocemente scappare. Quand’ ecco gli pare di sentire la voce del maestro, che adesso è lì vicino e gli tiene stretta la mano, raccontare di luoghi e persone e virtù che gli sono famigliari, è sorpreso, sbarra gli occhi, non ci vuole credere, ma sì sta parlando proprio del suo paese, sembra che lo conosca molto bene, deve per forza averci fatto un viaggio, racconta con ammirazione le bellezze naturali, anzi dice che è una delle più belle terre d’ Italia, famosa per uomini illustri, e che ci abitano degli uomini coraggiosi, e rispettabili per il lavoro, la forza, la disciplina.

Non si è ancora ripreso dal sogno e già il più bravo di noi, Ernesto Derossi, invitato dal maestro si avvicina al suo banco e gli dà il benvenuto, lui, un piemontese, un vincitore e, mamma che cosa sta facendo adesso, lo abbraccia e gli dà un bacio sulle guance, a lui, un calabrese, uno straniero. Fratelli d’ Italia. Un battere di mani tutt’ attorno, mentre un nodo sale su fino alla gola ed una lacrima scivola calda e perdinci salata sulle guance, poi grande festa tutt’ intorno, e pure i regali e un francobollo di Svezia, che deve essere proprio raro perché anche la Svezia non si sa bene dove si trova. Adesso i suoi occhi mi fanno capire che┬ási sente proprio a casa sua.

Sono passati centocinquant’ anni, mio padre è lombardo, mia mamma calabrese, loro sono italiani, io sono italiana. Grazie Derossi, grazie signor Perboni.

 :roll:   CUORE 150°

Modena 12 aprile 2011,

Chiara e Roberto Beretta

_____________________________________

Leggi il racconto su wikisource, clicca qui sotto:

http://it.wikisource.org/wiki/Cuore/Ottobre/Il_ragazzo_calabrese

_____________________________________________________

Oggi prende avvio la prima rubrica del sito, si intitola cuore, si ispira all’ omonimo romanzo di De Amicis, ha lo scopo di evocare quei valori civili, ormai sulla strada dell’ oblio, che hanno fondato e cementato il nostro paese all’ indomani dell’ unità, e mi riferisco all’ amore per la patria, il rispetto per l’ autorità e per i genitori, lo spirito di sacrificio, la solidarietà, la tolleranza, l’ integrazione, l’ amicizia, l’eroismo, la carità, la pietà, l’obbedienza, la sopportazione, l’ elenco può continuare. La rubrica uscirà il mercoledì.

________________________________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>