La Libbertà

(Carlo Alberto Salustri, Trilussa, 1871-1950). La Libertà non è fare quello che si vuole. La Libertà, che è rispetto totale dell’altro, è un atteggiamento che deve essere compreso, educato, introiettato, addirittura conquistato. 😯 Non è roba da ometti né da pseudopopoli della libertà. La Libertà è amore, donazione, rinuncia consapevole, gioia, fiducia, accettazione. La Libertà è generosa, solidale. La Libertà non è invidiosa, non è pettegola, sa ascoltare, osserva la legge, paga le tasse, non è raccomandata, è leale, non insulta, non è volgare, non prevarica, è paziente, umile. Ama il silenzio. La Libertà ama il debole, l’anziano, la donna, i bambini, gli animali, la natura, la Terra. La Libertà è libera. Secondo Trilussa il popolo non ha ancora compreso cos’è la Libertà, che la confonde con il fare “quer che ce pare”. E la Libertà scappa. Tre strofe di sei versi, endecasillabi, schema metrico rima alternata. (r.b.)

______________

LA LIBBERTA’

La Libbertà, sicura e persuasa

d’esse stata capita veramente,

una matina se n’uscì da casa:

ma se trovò con un fottìo de gente

maligna, dispettosa e ficcanasa

che j’impedì d’annà libberamente.

E tutti je chiedeveno: – Che fai? –

E tutti je chiedeveno: – Chi sei?

Esci sola? a quest’ora? e come mai?…

– Io so’ la Libbertà! – rispose lei –

Per esse vostra ciò sudato assai,

e mò che je l’ho fatta spererei…

– Dunque potemo fa’ quer che ce pare…-

fece allora un ometto: e ner di’ questo

volle attastalla in un particolare…

Però la Libbertà che vidde er gesto

scappò strillanno: – Ancora nun è affare,

se vede che so’ uscita troppo presto!

Carlo Alberto Salustri

_______________________

Parafrasi. La Libertà, sicura e persuasa di essere stata veramente capita, una mattina uscì di casa: ma si trovò con tanta gente maligna, dispettosa e ficcanaso che gli impediva di andare liberamente. E tutti Le chiedevano: “Che fai?”, e tutti le chiedevano: “Chi sei? Esci sola ? a quest’ora ? e coma mai ? …”. “Io sono la Libertà”, rispose Lei, “ho sudato molto per essere vostra, ed ora che ce l’ho fatta spererei ..”. “Dunque possiamo fare quello che ci pare ..” fece allora un ometto: e dicendo questo volle toccarla in un particolare … Ma la Libertà, che vide il gesto, scappò strillando: “Non è ancora tempo, si vede che sono uscita troppo presto!”.

______________________________________________

152° Unità d’Italia, 23 giugno 2013, Beretta Roberto Claudio

___________________________________________________

 :roll: poesie

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>