Il padre di Webber

 

– Ignorante ! Ignorante ! urla paonazzo il prof a Webber,

– La pila l’ ha inventata Alessandro Volta non Armando Torta !

– Subito qui il diario, domani voglio parlare per l’ ultima volta con tuo padre !

_______________________

Ma Webber già non ascolta e si mette a giocare a calcio con l’ evidenziatore, cercando di dribblare fra i banchi, sgomita, spinge i compagni, lancia un calcio alla prof di sostegno, una donnona massiccia che cerca invano di fermarlo. In un batter d’ occhio succede il finimondo: alunni che saltano sui banchi, chi sulle sedie, chi rincorre le ragazze, Webber indemoniato sulla cattedra si impadronisce del registro di classe ed a ritmo di danza ne strappa le pagine, zeppe di note, lanciandole appallottolate contro il professore ed il bidello impallidito e tremante alla porta. Urla, risate, grida, parolacce, spinte, schiaffi, calci, morsi, le cicche appiccicate sotto i banchi, le confezioni delle merendine sparse per terra, cartacce, scritte sui muri, i cartelli lacerati, l’ i-pod di L. non si trova più, qualcuno fuma. Tsunami a scuola.

Un uomo alto, robusto, scuro di carnagione, i capelli ricciuti, si sveglia nel cuore della notte, è seduto sul letto, ha il respiro affannoso, il corpo madido di sudore. Allunga convulso il braccio verso il letto vicino, tocca il viso caldo e sereno di un bambino, il respiro lento e costante, Webber dorme. Ho fatto un incubo, pensa il padre. E’ ancora buio, fa freddo, già è ora di alzarsi, la corriera parte fra poco. La fabbrica di ceramica a venti chilometri lo sta aspettando.

Sulla strada d’ argilla rossa, vanno le pigre vacche ed il bovaro nel paletot sgualcito di lana olivastra saluta bambini scalzi in divisa, venti miglia al buio del gelido mattino sull’ altopiano e la strada polverosa arrossata al tramonto, la scuola è giù nella grande missione, un’ aula affollata, finestre senza vetri, il pavimento di terra, banchi di legno con il buco del calamaio, pingui maestri, il quaderno a righe con la coperta nera ed un pennino che non deve aprirsi né sbeccarsi mai, uno solo di scorta, buche nel campo di calcio che riempiono giacche, odorosi eucalipti ed ombrosi, striscia lenta la coda di un verde mortale serpente di sotto al muretto. Su quei banchi ho imparato a leggere, a scrivere, a far di conto, ho conosciuto chi erano i miei avi, ho appreso ad amare la patria, a rispettarne le leggi, ad obbedire i genitori, a salutare gli anziani del villaggio, ad aiutare il povero e l’ ammalato, a tacere per ascoltare l’altro, ho conosciuto altri mondi, ho capito la vita.

Webber dorme nel letto, fra poco comincia la scuola.

 :roll:   CUORE 150°

Modena 20 aprile 2011,

Chiara e Roberto Beretta

Liberamente ispirato al racconto “La scuola”, Cuore, E. De Amicis

_____________________________________________________

Leggi il racconto su wikisource, clicca qui sotto:

http://it.wikisource.org/wiki/Cuore/Ottobre/La_scuola

Cuore continua mercoledì prossimo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>