Il fuoriclasse

Omaggio a Giovanni Falcone

Il ragazzotto teneva gli occhi fissi sul pavimento e rispondeva balbettando alle domande del procuratore, ma ogni volta, ed era un continuo via vai, che un ufficiale dei carabinieri o un commissario della squadra mobile o un capitano della guardia di finanza entrava nell’ufficio, interrompendo con ciò l’interrogatorio, si sentiva scorrere nuovamente il sangue nelle vene. Allora osava alzare lo sguardo sulla collezione di paperette di terracotta , fissandole una per una con aria interrogativa, volgendo di tanto intanto gli occhi attoniti al giudice che gli stava davanti al lato opposto della scrivania.

Aveva, 😐 il giudice, un viso paffuto ed accogliente, un sorrisetto enigmatico malcelato dai baffetti neri, era gentile ed educato, sereno ed equilibrato nel contestare i fatti, come se comprendesse l’umanità che alberga anche nei rei, senza però in nessun modo avallare le loro azioni, né lo scopo, né i mezzi. I collaboratori che ininterrottamente entravano ed uscivano apparivano entusiasti dei suoi ordini e sembravano pronti a seguirlo in capo al mondo. La scrivania era sommersa di agende, cartelle, incartamenti, documenti. Vi troneggiava un computer ed un ingombrante e massiccio telefono cellulare, una novità all’epoca di questi fatti.

Una domanda però avrebbe voluta farla lui al magistrato, perchè gli sembrava proprio impossibile che fosse riuscito a ricostruire il numero di matricola del telaio. Aveva limato con cura e pazienza il metallo finchè non era scomparsa ogni traccia delle cifre che vi erano incise. Gesti che aveva fatto cento altre volte, come i grandi gli avevano insegnato fin dal primo furto. Certo, aveva forse compiuto l’imperdonabile errore di lasciare il motorino in strada per troppo tempo senza usarlo, e qualcuno si era insospettito, aveva chiamato i carabinieri, che per dovere avevano fatta una denuncia contro ignoti. A Palermo, ma non solo, la maggior parte dei responsabili dei piccoli furti rimane ignota, la giustizia è immobile, si scalda solo per questioni di maggiore rilevanza, omicidi, traffici di droga, contrabbando, prostituzione, e anche qui finora con scarsi risultati. La mafia è un’invenzione dei giornali del nord, tanti magistrati pensano a far carriera, senza preoccuparsi molto della sicurezza dei cittadini, delle vittime dei reati, dell’interesse della comunità. Una denuncia contro ignoti per il furto di un ciclomotore è destinata all’archiviazione fin dalla sua formulazione. Lo sanno tutti. Chi è tanto matto da perdere il suo tempo a trovare il ladro, a restituire alla vittima un insignificante unico motorino rubato, fra i mille rubati? Risalire poi dal numero di matricola al proprietario era stato facile, questo lo comprendeva anche lui. Come era conseguente, restituito il ciclomotore al legittimo proprietario, dal suo racconto e da quello dei testimoni, che si erano fatti avanti, risalire in quattro e quattr’otto fino al ladro. Ma il numero di matricola, accidenti, quello non riusciva proprio a spiegarselo. Come aveva fatto, chi era questo giudice, Mandrake? Quel numero aveva fatto condurre qui, oggi, per la prima volta, un comune ladruncolo, un giovanotto dai neri ricci capelli, spaesato in un ufficio blindato della procura, davanti alla legge incredibilmente applicata, testimone di un cambiamento di passo della giustizia, davanti ad un ciclone che, ben più coraggiosamente, osa opporsi a potenti famiglie, a connivenze, ad omertà.

Giovanni FalconeQuesto giudice è diverso dagli altri. I suoi occhi vivaci e il suo sorriso mandano una luce ed una gioia che di rado si era conosciuta prima d’ora qui in città. Da dove prende la sua forza e la serenità quest’uomo così scrupoloso, che ha il tempo e la volontà di indagare su cose minime e quasi fisiologiche in città, quali il furtarello di un motorino, così intraprendente e tenace, questo strenuo difensore della legalità, che non fa sconti a nessuno, che non scende a compromessi? E’un vulcano di idee. Un innovatore competente. Si è messo in testa di fare indagini su persone influenti che nessun giudice ha mai pensato di sfidare. Vuole passare sotto la lente di ingrandimento conti bancari, movimenti di denaro degli indagati, raccogliere prove inattaccabili nei giudizi, ascoltare e riscontrare le confessioni dei pentiti, unificare le inchieste sui delitti di mafia in un’unica grande inchiesta ricercando le connessioni fra le attività e i fatti criminosi, per non disperdere ed annullare in processi separati gli sforzi di altri valenti magistrati. Vola negli Stati Uniti, lavora con l’FBI, che lo osanna. Con l’aiuto degli altri magistrati del pool antimafia vuole ed istruisce il maxiprocesso alla mafia, vuole il carcere duro e la confisca dei beni dei mafiosi, la Superprocura.

Questo giudice ora è diventato scomodo al potere. E’ ostacolato da magistrati, da politici, dai media. E’ scomodo perché è un servitore della legalità e dello Stato, anche nelle piccole cose. Il suo senso del dovere, della disciplina, dell’ubbidienza alla gerarchia, la sua competenza, la dedizione assoluta al lavoro, il senso dello Stato, lo conducono all’isolamento. Questo giudice rimane solo a combattere contro l’illegalità. Egli accetta di vivere una vita blindata, in un ufficio blindato, in macchine blindate, sempre sotto scorta, non può andare al cinema, non può andare in un qualsiasi ristorante, non ha diritto ad una vita privata, non può nemmeno diventare padre. Poiché egli è un uomo dello Stato e crede nelle Istituzioni, responsabilmente accetta di mettere la propria vita al servizio dello Stato per garantire giustizia e sicurezza ai suoi concittadini. Crede in una Palermo, ed in un’Italia, liberata da ogni ingiustizia.

Nel contrastare le infrazioni minime ed insignificanti con lo stesso rigore, entusiasmo e competenza che usava per combattere i grandi reati, Giovanni ci ha fatto sentire sicuri e protetti dalla giustizia. E ci ha mostrato che dobbiamo obbedire alla legge più piccola per poter sperare di essere fedeli a quelle maggiori. Per questo suo sconfinato amore per la giustizia e l’obbedienza alla legge, in tutte le sue forme, egli si è dimostrato “diverso da tutti noi”. “Un fuoriclasse”. (*)

___________________________

(*) L’episodio del ciclomotore è liberamente ispirato ad un aneddoto raccontato da Pietro Grasso, procuratore nazionale antimafia, giudice a latere del maxiprocesso alla mafia del 1986-87, Palermo. Sua anche la definizione di Giovanni Falcone riportata fra virgolette

_____________________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 23 maggio 2012, Beretta Roberto

________________________________________________

< Stefano il torresano <  > Luigi verso il terremoto >

 :roll:  CUORE 150°

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>