Addio

(Aldo Palazzeschi, Poesie 1910-1915) C’è senza dubbio un po’ di vanità e di orgoglio, ma soprattutto tanta malinconia ed amarezza in questo commiato del poeta dai suoi lettori. Egli sperimenta l’incomprensione e la mancanza di entusiasmo con cui sono state accolte le sue idee avanguardistiche, a volte con critiche veementi ed irrisione verso la sua poetica┬áinnovativa e controcorrente, lontana dagli schemi paludati della poesia ottocentesca. Professori gonfi di retorica e di luoghi comuni, nel migliore dei casi gli hanno dato del somaro e del pazzo, ma in momenti più sfortunati ed esecrabili Palazzeschi fu fatto oggetto di lancio di pomodori e di patate marce e “in una bollentissima città emiliana financo le sedie della platea” lo raggiunsero. Abbiamo già avuto modo di scorgere un saggio di questa ostilità degli ambienti culturali dell’epoca ne “E lasciatemi divertire” (cittadiniditalia, 9 ottobre 2011). Eppure Aldo ha messo nel suo lavoro tanta passione, tanta paziente attenzione, crede di portare elementi di riflessione sulla vita utili a tutti, ma nessuno lo comprende. Per fortuna non gli manca l’umorismo con cui affrontare la platea e continuare l’opera in cui crede, e perciò chiama i suoi lettori per la lettura dell’ultima raccolta di versi – “Addio” apre il nuovo volume di versi “Poesie 1910-1915″, ma fortunatamente per noi non sarà l’ultimo – suonando metaforicamente le campane per una funzione di commiato, funzione dimessa nell’esteriorità del rito e nell’abbigliamento e l’atteggiamento dei fedeli convenuti, ma come le precedenti altrettanto curata nella forma e densa di contenuti per chi vuole capire. Somiglia a quello del poeta il mio lavoro. (r.b.)

_______________

ADDIO

Dal mio campanile

eccomi un’altra volta

a chiamarvi a raccolta

miei poveri lettori.

Forse per l’ultima volta

io vi richiamo con le mie campane

che ànno voci umane

che non volete capire.

Eccovi i nuovi doppȋ,

lo sapete

con quanto amore

io ve li accoppȋ,

ma non volete riconoscere

l’abilità

del povero campanaro,

al quale,

per somma generosità,

gli daste del somaro.

Dal mio campanile

io vi chiamo a raccolta

forse per l’ultima volta

miei poveri lettori.

Io vi vedo venire

un poco sconsolati,

avete vesti così dimesse …

ciarpette così oscure sulle teste …

Ah! Non avete portati

gli abiti delle feste,

quelli belli delle messe!

Avete presentito che io

non vi chiamavo altro

che per dirvi addio.

E allora … faremo una cosetta

lesta lesta,

ridottina ridottina,

senza lumi,

senza spreco di parati,

come si fa la festa

per la dottrina.

Dan dan dan dan dan …

Din din din din din …

Attenti, sono gli ultimi canti,

gli ultimi miei poveri lamenti,

ugualmente sonori,

al solito,

con i isoliti colori,

al solito,

fiamme rosse in cieli grigi,

dopo … vi dico addio,

vado a stare a Parigi.

In Francia, i poeti,

non sono meglio trattati,

ma almeno gli danno un po’ di mancia.

     ALDO    ┬       PALAZZESCHI 

_______________________________

151° Unità d’Italia, Modena, 11 marzo 2012, Beretta Roberto

____________________________________________

< risveglio < > Rio Bo >

:roll:  poesie

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>