Invasione alpina Piacenza

(Piacenza, Davide Tonicello). Come ogni anno la tradizionale adunata Nazionale degli Alpini si è svolta in un clima di festa, allegria e condivisione a cui hanno aderito e partecipato in prima persona i cittadini di Piacenza, in particolare molti giovani e ragazzi. 😛 Da loro infatti come in ogni altra città che l’adunata tocca, parole di elogio e┬á simpatia per i tre giorni di completa armonia e festa: Non abbiamo mai┬á visto così tanta gente a Piacenza, finalmente un po’ di colore e tanta allegria per le vie della città sia di giorno ma specialmente di notte, ci siamo lasciati coinvolgere e insieme agli Alpini di ogni┬á regione ed età abbiamo passato ore ed ore assieme, a cantare e ballare. Una tale festa┬á che non dimenticheremo mai, peccato che presto finirà e tutto tornerà come prima.

Piacenza e i suoi abitanti sono stati infatti molto accoglienti e comprensivi nonostante gli inevitabili disagi con vie e piazze chiuse alla circolazione. I commercianti entusiasti per gli incassi realizzati in soli tre giorni: in questo periodo di crisi per noi è stata una vera boccata di ossigeno. Ci fosse un’ evento del genere una volta al mese saremmo a posto.

L’invasione Alpina come di consueto ha interessato tutte le strutture ricettive quali alberghi, pensioni, hotel, strutture┬á sportive┬á o di associazione, parrocchiali e private, non solo in città ma anche┬á nei paesi circostanti nel raggio di 20-30 chilometri. Chi non┬á ha trovato posto si è accampato con la tenda in ogni spazio disponibile quali giardini pubblici, spazi verdi e persino aiuole.

Il forte legame tra Alpini è indiscutibile ed┬á è proprio questo appuntamento annuale che┬á crea l’occasione di spingersi nei vari accampamenti alla ricerca degli amici conosciuti nelle precedenti adunate per brindare e fare una cantata tutti insieme in armonia e pace in semplice stile Alpino, che non chiede mai ma sa dare tanto senza fare domande.

_____________

Presenti in Tribuna d’onore insieme al presidente dell’Associazione Nazionale Alpini,Corrado Perona, il Vice Presidente del Senato, Valeria Fedeli; il presidente della Regione Emilia Romagna, Vasco Errani; il Capo Dipartimento della Protezione Civile Nazionale, Franco Gabrielli; il Sindaco della Città, Paolo Dosi; il Presidente della Provincia, Massimo Trespidi, il Comandante delle Truppe Alpine, gen. Alberto Primicerj; il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Ammiraglio Luigi Binelli Mantelli e il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Gen. C.A. Claudio Graziano e il ministro della Difesa, Mario Mauro.

 

Alcuni pareri┬á delle più alte cariche dello Stato e dell’Esercito presenti all’evento:┬á

“Sono un esempio per uscire dalla crisi”.

” Qui mi sento a casa”

” E’ una festa di popolo”.

“Questa è ┬ál’Italia che vogliamo vedere”

“Nel libro Cristo con gli Alpini, il Beato di Don Carlo Gnocchi ha scritto: “Gli alpini sono uomini degni di

┬á┬áDio”.

 Non esistono parole migliori.

 __________________

L’adunata degli Alpini è iniziata Venerdì mattina con l’alza bandiera e ┬áschieramento della fanfara Brigata Alpina Taurinense, nel pomeriggio inaugurazione della Cittadella degli Alpini con l’esposizione di tutti i mezzi e equipaggiamenti di ultima generazione in dotazione ai reparti Alpini dell’Esercito. Sempre nel pomeriggio l’arrivo del Labaro dell’associazione┬á e della ┬ábandiera di guerra del 1ò Reggimento Artiglieria da montagna scortata da una Compagnia.

La sera concerto in ricordo della tragedia  del Vajont nel 1963.

Sabato mattina incontro ufficiale delle delegazioni ANA all’estero, nel pomeriggio, lancio di paracadutisti Alpini presso lo stadio comunale, poi varie mostre ed eventi sparsi per la città .

Alla sera grande festa con cori e fanfare Alpine in ogni piazza, chiesa, teatro, cinema, per proseguire oltre la mezzanotte nelle vie e nei vari locali, ristoranti, bar ecc. fino all’alba.

Domenica ore 9,00 l’adunata vera e propria è iniziata con le sezioni ANA sparse nel mondo:

Sud Africa, Argentina, Australia, Brasile, Canada , New York, Colombia, Cile, Uruguay, Belgio, Lussemburgo, Gran Bretagna, Nordica, Germania, Balcanica Carpatica Danubiana, Francia e Svizzera. A seguire le sezioni italiane di tutte le regioni isole comprese.

La regione Emilia Romagna che ha ospitato l’adunata chiudeva la sfilata alle ore 21,30 ┬áin Piazza Cavalli, unico gruppo che ha raggiunto il cuore della città per la cerimonia di chiusura dell’Adunata nazionale Alpini e la consegna della “stecca” alla città di Pordenone che ospiterà la 87a Adunata┬á 2014.

 

Vi Aspettiamo!

________________________

152 Unità d’Italia, 25 maggio 2013, Tonicello Davide

__________________________________________

notizie di cronaca

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>