L’etica nel giornalismo e nella politica

Ricorrono gli anniversari dell’uccisione di due uomini onesti e coraggiosi, amanti della verità e della legalità. 6 gennaio 1980, Piersanti Mattarella, politico, Presidente della regione Sicilia, artefice di una profonda azione riformatrice delle istituzioni regionali e di provvedimenti diretti contro privilegi, clientelismi, omertà, a contrasto delle attività mafiose. 5 gennaio 1984, Giuseppe “Pippo” Fava, giornalista, direttore del Giornale del Sud e poi de “I siciliani”, fautore di un giornalismo basato sulla verità per realizzare la giustizia e difendere la libertà, autore di inchieste-denunce sui traffici illeciti della mafia. (r.b.)

pippo_fava

_______________________________________________

(Pippo Fava. Lo spirito di un giornale. 11 ottobre 1981)

“Io ho un concetto etico del giornalismo. Ritengo infatti che in una società democratica e libera quale dovrebbe essere quella italiana, il giornalismo rappresenti la forza essenziale della società. Un giornalismo fatto di verità impedisce molte corruzioni, frena la violenza della criminalità, accelera le opere pubbliche indispensabili, pretende il funzionamento dei servizi sociali, tiene continuamente allerta le forze dell’ordine, sollecita la costante attenzione della giustizia, impone ai politici il buon governo.”

       159° Uniità d’Italia, 6 gennaio 2021           

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>