Vivere nella bellezza

Che pena suscita a volte guardarci attorno nelle nostra città, nel nostro paese: disordine, sporcizia, asfalto, guard-rail, strade e marciapiedi ingombre di automobili, abbandono, incuria, cementificazione, grigiore, bandiere lacerate, ecomostri inabitabili. Suscitano sentimenti le nostre città e campagne, i nostri mari e le montagne, i nostri paesaggi, di angoscia, di depressione, di infelicità. Se l’ambiente in cui viviamo è l’immagine della nostra civiltà, della nostra qualità di vita, del sentimento di vivere, allora dobbiamo essere fortemente preoccupati.┬á Abbiamo perduto l’attrazione, l’amore per ciò che è bello. Un tempo eravamo immersi in un microcosmo fatto di bellezze naturali, paesaggistiche, artistiche, per non dire valoriali. Ognuno di noi può ricordare e portare esempi. Non era forse l’Italia chiamata il Bel Paese?

Vogliamo tornare a vivere nel Bel Paese.┬áAbbiamo fortemente bisogno di una riforma estetica urgente,😎 di una rivoluzione individuale, che consiste nel voler caparbiamente essere circondati da cose belle, specchio della bellezza e del piacere di vivere che ognuno di noi porta dentro di sé. Una riforma che nasce dentro di noi e che non ha bisogno di deleghe né proclami. Si può spaziare dalla contribuzione alla salvaguardia del patrimonio artistico, alla cura dei giardini, al rispetto dei luoghi pubblici, ad una edilizia privata meno invasiva e dai tratti architettonici più congruenti e coerenti con il paesaggio, al reinsediamento nelle zone rurali e montane abbandonate, all’uso della bicicletta, ad un uso più razionale dell’automobile e della televisione, e ancora, secondo la nostra naturale inclinazione, alla riscoperta dei musei, delle gallerie d’arte, un pò di tempo dedicato alla buona lettura, all’ascolto della musica, delle opere liriche.

____________________________________

153° Unità d’Italia, 16 dicembre 2014, Beretta Roberto Claudio

________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>