Il leader globale

Sarebbe assai difficile riassumere in poche righe le riflessioni del Papa espresse al Congresso degli Sati Uniti d’America, all’ONU, nel corso del suo viaggio negli USA e prima ancora a Cuba. Ha toccato tutti i temi critici che preoccupano l’umanità e il globo terracqueo: immigrazione, migrazioni, nucleare, guerra, Isis, commercio d’armi, narcotraffico, difesa della vita, persecuzione dei cristiani, famiglia, social network, ONU, pace, istruzione, diritti, fame, povertà, clima, agricoltura.

Ha puntato l’indice contro il cinismo dei potenti e delle multinazionali, contro l’egoismo individuale, contro l’indifferenza dei governi, ha denunciato la paralisi decisionale di un’ONU da riformare, ha introdotto il diritto dell’ambiente …

Ciò che dovrebbero fare i capi politici, ma non sanno non vogliono non possono fare, Francesco lo fa. In questo vuoto politico e ideale (cioè di idee), Francesco si è proposto come guida universale, la sola concreta e possibile, l’unico uomo in grado di comprendere l’umanità intera, l’ansia del mondo del terzo millennio, il solo capace di condurre gli esseri umani in un porto di salvezza.

Salvezza spirituale, senza la quale non è ipotizzabile la salvezza né dell’uomo, né del pianeta, nè degli esseri viventi che lo abitano. Salvezza spirituale significa amare gli altri come sè stessi.

Parlando ai bambini di Harlem e richiamando le parole di un altro visionario, Martin Luther King, Francesco, con paradossale ingenuità, ha inventato il diritto al sogno, il diritto alla gioia, il diritto al sorriso. Questi neonati diritti salveranno la Terra.

_______________________________________

154° Unità d’Italia, 28 settembre 2015, Beretta Roberto Claudio

________________________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>