I segni dell’estate

(Renzo Pezzani, 1898-1951) Poche pennellate per tratteggiare i segni distintivi di una stagione, e riportare alla memoria quelle estati rurali così tangibili, definite e riconoscibili di una volta. Nei colori, nella calura, nelle acque fresche, nei cieli assolati ed immobili, nei fragorosi temporali. Il sole è accecante e l’aere immobile nel canto insistente instancabile delle cicale e nel volo alto delle rondini che si perdono nell’infinito cielo la sera fino a scomparire. Sulla terra l’ oro delle messi, chicchi duri maturi, girasoli fioriti nel giardino, vene d’acqua nei fiumi, acqua fresca delle fontane sorgenti dal ventre della terra, acqua del cielo se d’improvviso si oscura plumbeo e il temporale spaventoso lo trapassa di lampi e lo scuote cedendo alfine placato al ritornato sole ed all’arcobaleno. E l’uomo si accorda duttile al ritmo della natura, ne asseconda il cambiamento, attratto dalle fresche acque, dagli alberi ombrosi, anela la pioggia ristoratrice. Nelle messi gli uomini curvi afferrano le docili spighe e le lame adunche dei falcetti ne tagliano gli steli robusti con un crepitio secco e metodico, fascine di spighe si raccolgono in piccoli covoni e le donne e i bambini le porgono festanti alla trebbiatrice rumorosa e vibrante nella sua veste rossoarancione, gli umori di nafta, le molteplici ruote, le cinghie rotolanti e dondolanti, i bracci meccanici, le balle di paglia scalciate e cucite, una nuvola di pagliuzze e di pula danzante, una festa. Uomo e natura compenetrati nella pace estiva. Quanta nostalgia. Ora ci tocca un cielo nuvoloso, piogge torrenziali, acquazzoni tropicali, afa e freddo, code su asfalti infuocati, arricchiti e mancanti di tutto, costretti dal benesssere a cercare altrove e lontano l’estate felice persa per sempre. (r.b.)

I SEGNI DELL’ESTATE

Se le cicale cantano sugli alberi del viale
se il frumento è diventato giallo e ha i grani duri
se i fiumi hanno appena una vena d’acqua
se le rondini vanno alte fino a scomparire nel cielo
se nel giardino sono fioriti i girasoli
se la fontana mette voglia di bere
se si sente il ronzio della trebbiatrice e nelle aie
se, per la pioggia, il cielo tuona e lampeggia
se il pastore sale con il gregge ai pascoli più alti,
vuol dire che è giunta.

_____________________

Renzo Pezzani

____________

:roll: poesie

Trebbiatura_1972

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>