Ammazziamo il gattopardo

Ovvero come fare per cancellare (nel caso che gli italiani non se le siano già dimenticate da soli) le responsabilità della destra nel quasi default finanziario del 2011, sostituendo alla personale incapacità, il tentativo da parte di un nemico di ostacolare la propria azione politica interferendo nella dinamica eletto / volontà popolare, e cioè mediante un “colpo di stato” (negli ultimi tempi ci sarebbe un’epidemia di colpi di stato). Insomma che cosa avrebbe fatto di anti-costituzionale questo povero Napolitano? Compreso il pericolo che correva l’Italia con il possibile tracollo finanziario, osservata la crisi in cui si dibatteva la maggioranza governativa sostenuta da numeri esigui – dopo l’uscita di Fini – e caricature scilipotiane, 👿 avrebbe messo in piedi con tre mesi di anticipo un piano di emergenza per l’Italia che contemplava la possibilità di un governo diretto da un economista di fama internazionale, da insediare nel momento in cui il governo di centrodestra sarebbe caduto, e nell’impossibilità a quel punto di attendere altri mesi fino a nuove elezioni (la bancarotta avrebbe potuto arrivare prima). Il Presidente ha fatto il suo dovere. Al contrario sarebbe colpevole se fosse rimasto a guardare. Se vi dicessero che nei prossimi mesi ci sarà (o, se preferite, ci potrà essere) un’alluvione nella città in cui abitate, non vi dareste da fare per trovare subito un piano concordato con dei tecnici ed evitare che vi entri l’acqua in casa, oppure preferireste aspettare le prossime elezioni del sindaco?

__________________

152° Unità d’Italia, 14 febbraio 2014, Beretta Roberto Claudio

____________________________

attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>