Alla sera

(Ugo Foscolo, Poesie di Ugo Foscolo, 1803) Ci sono manifestazioni e luoghi ┬ádella natura che hanno il potere di placare per un breve istante il tormento dei nostri sensi, e schiudono alla nostra mente la contemplazione dell’universo, ci conducono a confluire in un essere superiore, ci portano serenità e pace. Questa desiderio romantico, struggente e nostalgico di conoscere e confluire definitivamente in qualcosa che non è finito né temporospazialmente né causalmente, è simboleggiato qui dalla sera, ora nella veste lieta e civettuola della stagione estiva, ora nella inquieta e grigia luce del crepuscolo invernale. Nella tregua serale, immagine della quiete eterna, si placano le burrasche che sconvolgono la nostra vita. Vieni o sera è il desiderio di Foscolo. Il desiderio di un porto sicuro, di uscir dalle tempeste. E’ la stessa aspirazione di Leopardi, che trova appagamento nel naufragare in un mare fatto di spazi interminati, di profondissima quiete, di sovrumani silenzi. (r.b.)

_______________________

ALLA SERA

Forse perché della fatal quiete
tu sei l’immago a me sì cara vieni
o Sera! E quando ti corteggian liete
le nubi estive e i zeffiri sereni,

e quando dal nevoso aere inquiete
tenebre e lunghe all’universo meni
sempre scendi invocata, e le secrete
vie del mio cor soavemente tieni.

Vagar mi fai co’ miei pensier su l’orme
che vanno al nulla eterno; e intanto fugge
questo reo tempo, e van con lui le torme

delle cure onde meco egli si strugge;
e mentre io guardo la tua pace, dorme
quello spirto guerrier ch’entro mi rugge.

_____________________

 Ugo        Foscolo

___________________________

Parafrasi. Vieni a me sì cara, o Sera, forse perché sei l’immagine della quiete eterna! Scendi sempre desiderata e soavemente tieni le segrete vie del mio cuore, sia quando ti corteggiano liete le nubi estive e gli zeffiri sereni, sia quando dal cielo nevoso porti sulla terra lunghe ed inquiete tenebre. Conduci i miei pensieri sui sentieri che portano all’eterno nulla; e intanto fugge via questo tempo malvagio, e con lui se ne vanno gli affanni che mi infligge; e mentre contemplo la tua pace dorme lo spirito guerriero che in me rugge.

___________________

151° Unità d’Italia, Modena, 12 febbraio 2012, Beretta Roberto

___________________________

< in morte del fratello Giovanni < > Carnevale vecchio e pazzo >

   :roll: poesie

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>