Concerto della memoria

Il 27 maggio 1945 le truppe dell’Armata Rossa entrarono nel campo di Auschwitz liberando i pochi prigionieri superstiti abbandonati dai tedeschi in fuga verso Berlino. Dal gennaio 2001, in data 27, celebriamo in Italia il “Giorno della memoria”, per non dimenticare la follia dello sterminio degli ebrei, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei autorizzata dalle leggi razziali, gli italiani deportati nei campi di concentramento, ed infine ricordare tutti coloro che si sono adoperati per proteggere e salvare i perseguitati, rischiando anche la propria vita in opposizione alla dittatura fascista. Ogni anno, e ormai da sei, per questa ricorrenza il Teatro comunale di Modena, in collaborazione con gli Amici della Musica, promuove incontri di narrazione e di riflessione sull’Olocausto. Quest’anno, nella serata di sabato, giorno di vigilia, le celebrazioni hanno visto protagonisti i ragazzi delle scuole medie Paoli e San Carlo. I ragazzi dei due istituti modenesi, che durante l’anno scolastico sono cresciuti musicalmente nell’ambito del “Progetto musica”, implementato dal prof. Giusti in collaborazione con l’Orazio Vecchi, hanno cantato e suonato, accanto ai musici professionisti dell’AdM Ensemble, due composizioni create espressamente per loro dai maestri Paolo Gattolin, il canto riemerge, e Paolo Mazzocchi, Canto della notte, entrambi per coro ed ensemble di professionisti e ragazzi. Sotto la direzione artistica di Claudio Rastelli , l’AdM (amici della musica) ensemble ha eseguito musiche di Erwin Schulhoff, Gideon Klein, Viktor Ullmann, compositori cecoslovacchi di origine ebraica che hanno visto la propria vita devastata dall’ideologia nazista ed hanno trovato la morte nei campi di concentramento di Auschwitz e Weissenburg. Le loro musiche angosciose ┬áe prive di ogni barlume di speranza, sono racconto diretto delle sofferenze e dei dolori che stono stati inflitti ad un intero popolo. Le piccole melodie per la memoria di Bela Bartok hanno arricchito la parte strumentale del concerto. Il narratore Simone Maretti ha letto alcune testimonianze di vittime dell’olocausto e di antifascisti fra cui spiccano le figure di Primo Levi e Giuseppe Dossetti. Con la Fondazione Teatro Comunale di Modena e gli Amici della Musica di Modena, hanno collaborato la Comunità Ebraica di Modena, la Fondazione Villa Emma, ed il Cento Culturale “G. Alberione” di Modena.

_________________________

151° Unità d’Italia, Modena 27 gennaio 2013, Beretta Roberto

____________________________________________________

 :roll: torna all’indice MUSICA

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>