La via ferrata

(Giovanni Pascoli, Myricae, 1891) Agli inizi della seconda metà dell’ottocento, nelle campagne dell’Italia preunitaria fecero la loro comparsa due simboli del progresso scientifico, capaci insieme di unire le città fino ad azzerarne le distanze: il treno ed il telegrafo. Le linee telegrafiche correvano parallele alla via ferrata, perché la potenza e la velocità del treno, rendevano necessario un sistema di comunicazione capace di trasmettere ordini sul movimento dei convogli in tempo reale, al fine di evitare incidenti ferroviari. Pascoli coglie nella coppia ferrovia-telegrafo il pericolo di una modernità che viene a turbare l’ordine rurale e a minacciare il paesaggio, immerso nella solitudine di una arcaica immobilità. Binari 😕  e fili segnano il confine fra questo mondo contadino e le città lontane. Con il suo ululare e coi suoi rombi che dileguano come lamenti femminili, il treno è espressione di un mondo vacuo, confuso, travolto da bisogni urgenti ed insensati. Anche l’apparente ordine dei pali tutti uguali si tramuta, nel loro fuggire all’orizzonte, in un sentimento di precarietà, di illusione, e di effimera compostezza. Si insinua una sensazione di sgomento, di perdita di un mondo semplice infantile materno, consegnato alla realtà oppressiva ambigua e poco convincente dell’età adulta. Questo contrasto fra passato e futuro è appena mitigato dall’immagine della natura, capace di tramutare questa ostile invenzione umana nel suono di una grande arpa, come se volesse con essa giocare per familiarizzarsi e renderla più accettabile e a misura d’uomo. (r.b.)

 

LA VIA FERRATA

Tra gli argini su cui mucche tranquilla-

mente pascono, bruna si difila

la via ferrata che lontano brilla;

e nel cielo di perla dritti, uguali,

con loro trama delle aeree fila

digradano in fuggente ordine i pali.

Qual di gemiti e d’ululi rombando

cresce e dilegua femminil lamento?

I fili di metallo a quando a quando

squillano, immensa arpa sonora, al vento.

Giovanni Pascoli

 

_________________________

151° Unità d’Italia, Modena 11 novembre 2012, Beretta Roberto

____________________________________________________

 :roll: poesie

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>