La legge de-costituzionale

E’ stata approvata con 183 voti in un’ aula significativamente semivuota. Infatti i senatori del Movimento 5 stelle, di Sinistra Ecologia Libertà, della Lega Nord sono usciti dall’aula al momento della votazione per non legittimare con la loro partecipazione la riforma costituzionale in votazione. Numerosi dissidenti del Partito Democratico e di Forza Italia hanno votato contro. C’è poco da festeggiare. Questa non può oggettivamente essere la nuova Costituzione. La Costituzione non si impone. La Costituzione si scrive insieme individuando la matrice condivisa e l’ambito che definisce le aspirazioni di un popolo, e che ne rappresentano l’identità e l’unità progettuale, e dalla quale i cittadini traggono paradigmi per la convivenza civile ed elementi di forza per il progresso personale e della comunità. :-( Per come si è svolto il dibattito, per la fretta rovinosa, e per i contenuti destabilizzanti, la riforma approvata oggi è invece un atto di imperio destinato purtroppo a destrutturare e a dissolvere la comunità degli italiani. I senatori che si allontanano, l’aula semivuota, i voti contrari, gli astenuti, le critiche di una gran parte dell’opinione pubblica, compresa questa pagina, testimoniano la distanza siderale che separa molti cittadini da questa pseudocostituzione, il cui primo effetto è il disconoscimento della, e la disidentificazione dalla stessa legge costitutiva. Ciò che deve unire fortemente, ha come primo subitaneo effetto la separazione. Un fallimento immediato. Siamo già decostituiti. Da una parte 183 discepoli dei due nazareni con cinguettii pubblici e televisioni private, dall’altra gli italiani cresciuti nei valori della Costituzione nata dalla Resistenza. E’ compito di tutti coloro di buona volontà che non si riconoscono in questa legge de-costitutiva, combattere in prima persona per impedire che diventi a tutti gli effetti decostituzione. Oggi può iniziare la lunga battaglia referendaria. Sarà molto dura, ma si deve fare per forza.

_________________________________

153° Unità d’Italia, 8 agosto 2014, Beretta Roberto Claudio

________________________________________

la legge costituzionale

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>