Stamina

Il Tar del Lazio ha accolto il ricorso di Davide Vannoni, presidente di Stamina. Riapre la possibilità che lo Stato finanzi la sperimentazione della terapia cellulare per il trattamento di malattie neurodegenerative. Il metodo Stamina è stato ideato da Vannoni, laureato in lettere e filosofia. Consiste nella conversione (in vitro) di cellule staminali mesenchimali di midollo osseo autologo (cioè del paziente) in cellule di tessuto nervoso, successivamente reinfuse. L’ideatore del metodo ne sostiene l’efficacia per la cura di malattie quali la sclerosi laterale amiotrofica, il m. di Parkinson, ed altre malattie neurodegenerative. Il protocollo, tenuto rigorosamente segreto, è, allo stato attuale, non sostenuto da studi scientifici che ne attestino la sicurezza e l’efficacia. Vannoni non ha mai pubblicato alcun articolo sul metodo stamina su riviste scientifiche.

Le critiche avanzate dalla comunità scientifica sono così sintetizzabili 1) riserva sulla capacità delle cellule mesenchimali di differenziarsi esclusivamente in cellule nervose, 2) mancanza di studi clinici che attestino la sicurezza del metodo, ossia la valutazione degli effetti avversi, 3) assenza di controlli sulla preparazione in vitro delle cellule mesenchimali, che sfuggirebbero alle normative europee (la sperimentazione al di fuori della giurisdizione pu├▓ rappresenta una scorciatoia per le ditte farmaceutiche).

D’altra parte non trova giustificazione l’argomento delle ÔÇÿcure compassionevoli’. Somministrare una terapia di non comprovata efficacia a malati terminali o quando non vi siano cure efficaci disponibili non è eticamente accettabile qualora non vi siano evidenze di sicurezza. Proprio perché sono più deboli questi malati devono essere maggiormente protetti con cure collaudate e convenzionali, e non invece sottoposti come cavie a trattamenti potenzialmente pericolosi che potrebbero peggiorare il decorso clinico ed acuire le sofferenze.

Ultimo, ma non meno importante, non è accettabile che un trattamento medico sostenuto da un ente privato, e che si caratterizza per l’inconsistenza delle prove scientifiche, per le carenze metodologiche, per l’assenza di pubblicazioni, per l’ignoranza della tossicità, sia promosso “per legge”, e finanziato dallo Stato.

_________________________

152° Unità d’Italia, 5 dicembre 2013, Beretta Roberto Claudio

_________________________________

attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>