Risveglio

(Graziella Ajmone, 1912-93) La festa della natura che a primavera mette il suo vestito più bello, attende il risveglio del bambino per essere completa. Ma solo il cuore e gli occhi di un bambino possono comprendere e parlare il linguaggio della natura, la quale si esprime con segni umili, puri ed essenziali. Semplicità, purezza, amore per ciò che è essenziale: doti dimenticate dagli adulti, e perciò non più capaci di rallegrarsi davanti al miracolo che si compie sotto i loro occhi ogni primavera. La capacità di stupirsi e di gioire per l’essenziale, è la chiave per comprendere il segreti della natura e della vita. E la natura a sua volta attende con trepidazione la disponibilità e l’opera dell’uomo per realizzarsi perfettamente. Come una mamma il suo bambino. (r.b.)
____________

RISVEGLIO


Batte alla tua finestra
un raggio di sole monello;
ti chiama, già pronto e lucente
nel suo vestito più bello.
Destati bimbo! Non senti
il coro degli uccelletti?
Le margherite e le viole .
hanno già aperto gli occhietti;
gli alberi stan sull’attenti,
ritti come soldati
e pregano già tutte in coro
nitide l’erbe dei prati.
Manca soltanto il tuo cuore,
campanellino d’argento,
solo i tuoi occhi, bambino
a rallegrare il mattino.

 Graziella ┬   Ajmone 

____________________

151° Unità d’Italia, Modena, 4 Marzo 2012, Beretta Roberto

_________________________________________________

< la baia tranquilla < > Addio >

:roll: poesie

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>