Requisiti e metodi

(LA RIFORMA COSTITUZIONALE ÔÇô 2.)

Si è già scritto che l’attuale parlamento non ha i requisiti politici per riscrivere la Costituzione per almeno due motivi. Primo perché i suoi membri sono di fatto illegittimi, in quanto la legge elettorale che ne ha determinato l’elezione (Porcellum), viziata da premi di maggioranza e dall’ impossibilità di esprimere preferenze, è stata giudicata incostituzionale dalla Corte Costituzionale. Al Parlamento non restava altro da fare che prendere atto di tale bocciatura e procedere senza indugio all’autoscioglimento, rendendo necessario oltre che auspicabile il ritorno alle urne con la legge preesistente (Mattarellum): i nuovi deputati e senatori avrebbero potuto, anzi dovuto, mettere mano alla legge elettorale ed alla riforma della Costituzione, dopo averne presentato gli orientamenti in campagna elettorale. Si è voluto invece, per ragioni contingenti e di debolezza delle forze (si fa per dire) politiche, effettuare il contrario, prima le riforme poi le elezioni. 👿 In secondo luogo gli attuali parlamentari non hanno ricevuto alcun mandato per riformare la Costituzione, e benchè la Costituzione non lo richieda espressamente, ci pare una grave mancanza di fair play, per non dire un grosso deficit di relazione della classe politica con i cittadini, il progredire senza tale mandato. Non per niente si tenta di placare gli oppositori alla riforma blandendoli con la promessa del ricorso al referendum costituzionale al termine dell’iter legislativo di riforma, quasi si volesse per un senso di colpa riparare a quest’atto unilaterale.┬áNon va neppure dimenticato che la riforma costituzionale sembra rientrare nei punti di un patto (detto del Nazareno) ┬ábilaterale e parzialmente segreto, stipulato fra un cittadino non eletto al Parlamento diventato premier a spintoni e promesse, il che a guardar bene è peggio dell’essere parlamentare illegittimo, ed una vecchia conoscenza, estromesso dal Senato in quanto pregiudicato per frode fiscale, irrottamabile anche per il campione dei rottamatori. Si aggiunge il fatto che uno dei relatori della riforma è l’autore stesso della legge elettorale giudicata incostituzionale ÔǪ Con questi campioni si intende riscrivere la Costituzione! Dove sono Einaudi, Calamandrei, Dossetti ? De Gasperi, Saragat, Togliatti ?┬áNel capitolo del “metodo” ci dovrebbe essere un posticino anche per la fretta (per non dire foga) riformatrice, e per la mancanza di qualsiasi confronto pubblico e l’esclusione tout court dal processo decisionale riformatore di ogni altra rappresentanza politica, e una di queste è addirittura il primo partito in termini di voti ottenuti alla Camera (Circoscrizione Italia) alle ultime elezioni politiche! Per├▓ la faccenda verrebbe troppo lunga. E la riforma corre alla velocità della luce, domani o dopodomani potrebbe già essere stata approvata al Senato, e questo resoconto sarebbe già obsoleto.┬á

LA RIFORMA COSTITUZIONALE – 2. Continua

_____________________________

153° Unità d’Italia, Beretta Roberto Claudio

___________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>