L’ infinito

Giacomo Leopardi, Idilli, 1826

 

Sempre caro mi fu quest’ermo colle,

E questa siepe, che da tanta parte

Dell’ultimo orizzonte il guardo esclude.

Ma sedendo e mirando, interminati

Spazi di là da quella, e sovrumani

Silenzi, e profondissima quiete

Io nel pensier mi fingo; ove per poco

Il cor non si spaura. E come il vento

Odo stormir tra queste piante, io quello

Infinito silenzio a questa voce

Vo comparando: e mi sovvien l’eterno,

E le morte stagioni, e la presente

E viva, e il suon di lei. Così tra questa

Immensità s’annega il pensier mio:

E il naufragar m’è dolce in questo mare.

______________

Giacomo Leopardi, Idilli, 1826

_______________________________

l'infinito_autografo_2

Giacomo Leopardi, L’infinito, secondo manoscritto autografo

:roll: poesie

____________________________________

La domenica è un giorno dedicato alla contemplazione del creato. Sentiamo il bisogno di stare in silenzio.  Liberati dalle incombenze materiali e dalla frenesia settimanale, ci fermiamo a contemplare la natura, l’universo, l’animo nostro, ciò che è bello, riflettiamo sul senso della vita, del dolore, della morte. Apre oggi la nuova rubrica “Poesia”. E’ un invito a conoscere se stessi, il mistero della vita  e dell’universo attraverso la voce dei grandi poeti italiani. Senza commento, perché ognuno, privato di ogni influsso e condizionamento esteriore, possa scorgere da sè solo e dentro di sé il palpito ed il senso della propria vita e della vita universale. (r.b.)

___________________________

 

Un pensiero su “L’ infinito

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>