Certezza dell’impunit├á

Dunque ricapitoliamo. La Corte d’appello di Milano condanna l’imputato a quattro anni di carcere e a cinque anni di interdizione dai pubblici uffici per frode fiscale ai danni dello Stato. La Corte di Cassazione il 1 di agosto conferma la condanna al carcere, ma annulla la pena accessoria poiché il massimo previsto per reati fiscali è di tre anni. Rimanda pertanto il fascicolo alla Corte di appello di Milano (ma ad una sezione diversa da quella che si è pronunciata sul merito), al solo scopo di ricalcolare il numero degli anni di interdizione. Essendo cinque maggiore di tre, tutti si aspettano il massimo che è tre, la difesa ne chiede uno, il tribunale fissa a due. La difesa annuncia il ricorso in Cassazione. Ci vorranno altri mesi. L’importante è tirare a campare. E’ stato fatto anche un governo del rinvio. Intanto di mesi ne sono passati tre dalla condanna definitiva. Dei quattro anni di carcere, tre sono scontati dall’indulto, il quarto si deve fare agli arresti domiciliari o ai servizi sociali, infatti in Italia non si va in galera dopo i 70 anni (norma salva Previti, legge del 2005). Opta per i servizi sociali, si attende la decisione a marzo (otto mesi dopo la sentenza, alè). 👿 La legge Severino che decreta la decadenza immediata non è ancora stata applicata, anzi una fazione che l’ha votata la ritiene incostituzionale, chi la vuole abrogare, altri invitano a riflettere perché la trovano in contrasto con la decisione del tribunale che interdice per due anni mentre la Severino lo fa per sei (perché sei anni, si chiedono, cioè il triplo di due?). Si è presentato ricorso alla Corte europea di Strasburgo. All’orizzonte si intravedono indulto ed amnistia. Eccetera. Intanto il pregiudicato per frode fiscale continua a sedere in Parlamento ÔÇÿdeterminato come sempre’. Nel nostro paese non c’è certezza della pena, ma certezza dell’impunità. Che pena che fa l’Italia! Ma in che razza di paese viviamo? Perché continuate a dormire?

_____________________________

152° Unità d’Italia, 20 ottobre 2013, Beretta Roberto Claudio

____________________________________________

tutti gli articoli di attualità

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>