Il caso Sallusti – II

II. PROCESSO PER DIFFAMAZIONE. A differenza degli altri principali quotidiani a tiratura nazionale, “Libero”, il cui direttore all’epoca era Alessandro Sallusti, il giorno dopo la pubblicazione della cronaca de “La Stampa” ÔÇô siamo ┬áal 18 febbraio 2007 – insiste sull’ipotesi della coazione e lo fa con un articolo in tredicesima pagina a firma del giornalista ┬áAndrea Monticone, dal titolo┬á “Costretta ad abortire da genitori e Giudice” ed un corsivo in prima pagina, firmato con lo pseudonimo ÔÇÿDreyfus’, intitolato “Il dramma di una tredicenne. Il giudice ordina l’aborto”. ┬áIn esso, fra l’altro, si afferma che il magistrato, ascoltate le parti in causa, applicando il diritto (parola ripetuta con punto esclamativo), ha decretato l'”aborto coattivo”. L’ autore si spinge ad ipotizzare che, se ci fosse la pena di morte, questa 😕 sarebbe la circostanza in cui essa potrebbe essere applicata: per i genitori, per il giudice, per il ginecologo. Il giudice tutelare di Milano, Giuseppe Cocilovo, presenta denuncia per diffamazione. Nel corso del dibattimento processuale, entrambi gli articoli, quello di ÔÇÿDreyfus’ e quello di Monticone, sono stati ritenuti dai giudici del merito, diffamatori nei confronti del dott. Giuseppe Cocilovo. In particolare, il direttore del quotidiano, Sallusti, viene condannato in primo grado ad un pena pecuniaria┬á di 5000 euro. Egli ricorre in appello. La Corte d’appello di Milano, pronuncia la sentenza il 17 giugno 2011. La Corte riconosce il direttore colpevole del reato di diffamazione a mezzo stampa e, inasprendo la pena, lo condanna a 14 (quattordici) mesi di reclusione senza condizionale. E’ notizia di questi giorni la conferma della sentenza di appello, da parte della quinta sezione penale della Corte di Cassazione, presieduta da Aldo Grassi, che condanna il direttore in via definitiva a 14 mesi di carcere (26 settembre 2012). La Suprema Corte non accoglie la richiesta avanzata dal procuratore Gioacchino Izzo che, pur ritenendo sussistere la piena responsabilità di Sallusti in merito al reato contestato, sollecita per├▓ un nuovo processo d’appello limitatamente alla concessione delle attenuanti generiche. La concessione delle attenuanti significherebbe ┬áuno sconto di pena per il direttore di “Libero”. Il quale inoltre è condannato a pagare le spese processuali sostenute davanti alla Cassazione ed a risarcire la parte civile (4.500 euro). La Suprema Corte di Cassazione annulla invece il verdetto di appello avverso a Monticone per il reato di diffamazione a mezzo stampa nei confronti del giudice tutelare di Milano, Giuseppe Cocilovo, in quanto l’articolo si limita a raccontare la vicenda ospedaliera della minorenne, e dispone pertanto un nuovo processo davanti alla Corte di appello di Milano.

  < I. il caso Sallusti  <    > III. nota della Suprema Corte >

IL CASO SALLUSTI

______________________________

151° Unità di’Italia, Modena 30 settembre 2012, Beretta Roberto

_______________________________________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>