Zero controlli

Chi ha seguito il programma “Presa Diretta” di Riccardo Iaccona su Rai Tre domenica sera, sarà rimasto sbalordito per la distanza siderale che ci separa dalla Francia non dico per l’efficienza dei trasporti, e neanche per il modello di sviluppo e della qualità di vita scelto dai nostri antipatici cugini, ma invece, e semplicemente, per l’ incredibile consapevolezza che i cittadini francesi hanno mostrato di avere riguardo al fatto che il buon funzionamento del servizio pubblico dipende quasi interamente dalla coscienza civica di ciascuno di loro. Rennes, capoluogo della Bretagna, Francia nord-occidentale, stazione di metropolitana. L’inviata del programma televisivo all’ingresso della metro si avvicina ad uno dei funzionari in divisa che presidiano gli accessi, si tratta di una donna e ha tutta l’aria di essere un controllore, ed apre il pezzo chiedendo se effettivamente lo è. Con squisita gentilezza e garbo il sospetto controllore risponde: “No, siamo dei mediatori. Noi verifichiamo se le persone timbrano il biglietto nella metro e sugli autobus. Ma se qualcuno non vuole fare il ticket non gli impediamo certo di passare, non gli facciamo nulla”. A sentire questa ci scoppia d’istinto una risata. Questi francesi, parafrasando Asterix e capovolgendo le parti, sono proprio stupidi. 😛 Anche la giornalista fingendo di essere stupita e trattenendo a sua volta la personale risatina, “e quindi .. scusi ma allora qual’ è il vostro ruolo ?”, insomma che ci state a fare. Mediatore (senza scomporsi minimamente) : “Il nostro è un lavoro molto importante perché noi facciamo opera di prevenzione, spieghiamo alle persone che è fondamentale pagare il ticket perché i trasporti sono un servizio pubblico e sarebbe bellissimo se fossero gratuiti, ma purtroppo non è possibile, e se la metro gli autobus i treni funzionano è perché ciascuno fa la sua parte, ma come vede (indica la sala) è tutto aperto (mostra che non ci sono tornelli, obliteratrici, barriere)”. Appare evidente anche al più scettico dei telespettatori che chiunque può entrare liberamente e prendere la metro senza pagare il biglietto e senza essere fermato! “Avete molta fiducia nei vostri cittadini” esclama la giornalista. Assist perfetto per il mediatore, anzi mediatrice, che conclude vittoriosa, forte della forza della statistica e dell’etica civile: “E’ la politica della nostra città. Mi creda, è raro che qualcuno qui non paghi il biglietto”. Dobbiamo assolutamente importare la metodica, sono sicuro che l’educazione e la coscienza civile sono malattie molto contagiose. Nel frattempo continuiamo fiduciosi a pagare il biglietto.

_______________________

153° Unità d’Italia, 23 settembre 2014, Beretta Roberto Claudio

_________________________________________

fare l’Italia

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>