Terra straniera

Gli echi degli spari eccheggiano fra le mute case e straniere del borgo. Un silenzio arcano, foriero di un destino imminente, si addensa sulla moltitudine dei trecento e dei loro capi incupiti, e nei cuori una angoscia greve come macigno atterrisce, un pallore mortale è dipinto sui volti scavati dalla fatica e dalla disillusione. Da Padula giungono buone notizie. La popolosa cittadina, patria di liberali, il cui capo è il prete cospiratore don Vincenzo Padula, mazziniano convinto, è stata abbandonata dalle guardie urbane, richiamate a Sala Consilina. Si assicura che una parte delle guardie, di dubbia fede realista, farebbe causa comune con i rivoltosi alla prima occasione favorevole, e una di loro già aveva disobbedito agli ordini e aveva preso la via dei monti. 😛 Padula è un centro del ribellismo del Cilento, fervente ed aperto alle idee mazziniane e rivoluzionarie, dove la piccola borghesia mal sopporta le politiche del governo borbonico, Padula non è uno di quei piccoli borghi montanari senza nessuna importanza che la spedizione si era lasciata alle spalle. Padula abbraccerà e sosterrà i rivoltosi. A Padula vi sarà una sommossa generale. A Padula scoccherà la tanto desiderata scintilla dell’insurrezione. Bisogna ancora sperare, disperatamente, credere, contro ogni evidenza. La colonna si rimette in marcia. Un branco di uomini stanchi, muti, male armati, sfiduciati. I comandanti degli uomini, e gli uomini dei comandanti, estranei gli uni agli altri, accomunati e spinti dall’incombente inevitabile destino di morte. Escono dalle giogaie dei monti, insieme al purissimo Calore abitato dalla lontra, e il fiume si apre nella dorata distesa del Vallo. Ad oriente Montesano troneggia sul colle della Marcellana, ad occidente la valle del Bisento con Sanza si affianca. Padula è davanti agli occhi, meta adagiata sui colli, la spettacolare certosa ai suoi piedi, e ammirando e levandosi, lo sguardo vaga lontano fino alla cittadina di Sala, che biancheggia allungata sulla massa indistinta e bruna delle pendici dei monti che cingono la destra del Vallo. Pisacane e i trecento sono smarriti. Sono giunti infine nella terra cui tendevano, ma è ostile, e straniera.

fine del 31° episodio

_______________

151° Unità d’Italia, Modena 7 marzo 2013, Beretta Roberto Claudio

____________________________________________

 :roll: la spedizione di Sapri

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>