Un nuovo governo

Stiamo vivendo momenti drammatici. I nodi sono venuti al pettine. Il debito pubblico non poteva crescere indefinitamente. Ci domandiamo come pu├▓ continuare un governo che per anni ha sottovalutato la crisi economico finanziaria, ha consentito al debito di crescere a dismisura, ha rinviato le riforme dell’amministrazione pubblica, la lotta┬á all’evasione, l’eliminazione degli sprechi, non ha progettato piani di sviluppo economico, ha illuso i cittadini che la crisi non avrebbe potuto toccare l’Italia perché il governo operava per mantenere i conti pubblici in ordine. L’Italia non farà la┬á fine della Grecia. Appunto.┬áOra, non è nelle capacità di questo governo di ridurre il debito, prima di tutto perché non ha saputo farlo in questi anni, incapace di varare misure per lo sviluppo e l’occupazione e per non aver saputo contenere strutturalmente le spese, in secondo luogo per l’accanimento mostrato nel voler far pagare il debito esclusivamente alle fasce sociali più deboli, pensionati, famiglie, dipendenti delle amministrazioni pubbliche, senza saper chiedere alcun sacrificio alle classi sociali medio-alte, ancora intoccate se non marginalmente dai provvedimenti adottati nella recente manovra. A dimostrazione di questa inettitudine vale la pena ricordare i più recenti atti del governo e del Parlamento, atti che si sono succeduti nella più totale confusione, mancanza di un disegno utile al paese, e nell’inseguimento di miserevoli tornaconti personali o politici.┬á 1) viene approvata in fretta e furia all’ultimo momento una manovra tampone che peraltro rimanda il pareggio di bilancio al 2014 ed i maggiori sacrifici al biennio successivo alle prossime┬áelezioni politiche ÔÇô è evidente la preoccupazione ed il cinismo nel voler mantenere la poltrona senza curarsi delle esigenze, delle sofferenze e del costo che il paese dovrà pagare per tale rinvio; 2) subito dopo la classe politica torna più┬á agevolmente ad occuparsi del proprio orticello: chi all’incostituzionale spostamento di ministeri al nord (a Monza, manco a Milano! e perchè non a Caronno Pertusella ?), capriccio estivo di uno dei partiti di governo ormai alla ricerca di consenso spicciolo e senza più idee e recentemente bastonato alle elezioni amministrative, provvedimento assolutamente inutile, irragionevole, dispendioso e fonte di divisioni fra italiche genti, chi invece all’agognato ed urgente processo lungo, approvato con tanto di fiducia, indispensabile al capo dell’altro partito di governo; 3) il Parlamento quindi incurante del persistere della crisi finanziaria, prepara le valigie per una vacanza che il resto del paese neanche si sogna in questa congiuntura – cinque settimane con gita┬á finale a Gerusalemme; 4) i mercati spietatamente e prevedibilmente puniscono tale leggerezza e disinvoltura, le borse tracollano, i titoli di stato italiani perdono valore, lo spread con i Bund tedeschi corre verso l’alto, così da vanificare alla prossima emissione di titoli italiani una buona fetta ÔÇô qualche miliardo di interessi ÔÇô la futura neonata manovra, ma┬á inesorabilmente ed incomprensibilmente si lasciano cadere i segnali di pericolo, si sostiene che le decisioni le prendono i governi e non i mercati, che tutto va bene e ci rivediamo a settembre; 5) sotto le pressioni della banca centrale europea e dei capi di governo delle maggiori economie dell’occidente, il presidente del consiglio, pubblicamente umiliato, e con lui l’intera nazione agli occhi della comunità internazionale, è costretto ad un’immediata retromarcia, ed annuncia che è necessario anticipare di un anno (ennesimo tentativo di non assumersi subito le responsabilità ?) la manovra appena varata. Un governo compromesso e responsabile di questa situazione, non credibile davanti all’opinione pubblica interna, ai mercati finanziari ed alle diplomazie internazionali, non pu├▓ pensare di condurre la nave in porto promettendo improbabili riforme di là da venire e chiedendo sacrifici unicamente ai ceti sociali medio bassi. E’ tempo di un nuovo esecutivo, solido, guidato da tecnici di caratura internazionale e di┬á comprovata competenza in materia di economia e di finanza, come┬áfu quello di Ciampi,┬ásupportato da un’alleanza di salvezza nazionale, che sappia individuare scelte giuste┬á condivisibili ed accettabili dall’intero paese. Solo così ci si pu├▓ salvare dal baratro in cui stiamo per precipitare.

 

Modena, 7 agosto 2011

Beretta Roberto

_____________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>