Francesco patrono d’Italia

 

St_Francis_Renunciation_of_Wordly_GoodsIl 4 ottobre ricorre la festività di San Francesco d’Assisi, patrono d’Italia. La legge n. 24 del 10 febbraio 2005 riconosce il 4 ottobre solennità civile e giornata della pace, della fraternità e del dialogo tra appartenenti a culture e religioni diverse, in onore dei Patroni speciali d’Italia San Francesco d’Assisi e Santa Caterina da Siena.

Pio XII a sua volta proclamò detti santi patroni d’Italia il 18 Giugno 1939, anno primo del suo pontificato, alla vigilia del conflitto mondiale. Con questo atto, egli intendeva procurare in modo particolare il bene degli italiani, mettendoli sotto la protezione dei santi, che durante la vita terrena operarono per portare aiuto alle genti del loro tempo, spinti dall’amore per la patria. Francesco e Caterina dunque patrocinatori presso Dio delle preghiere degli italiani e nello stesso tempo esempio per loro di vita evangelica. Ecco dunque il significato di San Francesco e Santa Caterina quali Patroni d’Italia.

La proclamazione di Pio XII fu accolta con entusiasmo dalla società italiana, che già avvertiva la vicinanza e la consonanza di sentimenti con Francesco di Assisi, ed il suo patrocinio avrebbe aiutato ancor più le popolazioni a sentirsi identificate con le virtù, l’umanità e la spiritualità di un santo che ancor ogSt_Francis_Dream_of_Innocent_IIIgi rappresenta in maniera altissima la cultura e le migliori tradizioni storiche dell’Italia.

Le virtù che hanno fatto di Francesco un santo universale sono del resto ben note a tutti. Chi non è stato attratto dal fascino mistico di Assisi, città sospesa fra cielo e terra, chi non si è commosso davanti a uno delle numerose ricostruzioni cinematografiche, quale studente non ha recitato a memoria o quale giovane cantato il cantico delle creature, e quanti non hanno meditato, incantati e sbalorditi, sulla disarmante e quasi ingenua semplicità delle sue parole e dei suoi “fioretti”?

Francesco cresce in un ambiente spensierato e mondano, matura la sua conversione leggendo il vangelo in carcere dopo essere stato catturato dai perugini in guerra con la città di Assisi, rinuncia alle ricchezze paterne con un gesto radicale, offrendosi provocatoriamente nudo alla Chiesa ed a Cristo, proponendosi di conformare la sua vita a quella del Salvatore, in povertà e letizia, nello spirito del discorso della montagna, si pone dalla parte degli ultimi condividendo il giaciglio con i lebbrosi, attrae imitatori soggiogati dalla sua ortodossa radicalità, fa dell’obbedienza alle gerarchie ecclesiastiche la condizione per promuovere con l’imitazione evangelica il rinnovamento della Chiesa, vive a contatto ed in armonia con la natura ed il cosmo, dono di Dio agli uomini, che egli esalta nel cantico delle creature, parla con lupi ed uccelli con il linguaggio universale dell’amore della fratellanza e della pace, infine il suo cammino terreno si conclude con l’impressione delle stimmate. Sapienza, semplicità, povertà, umiltà, carità, obbedienza sono i suoi comandamenti.St_Francis_Sermon_to_the_Birds

Il 4 ottobre dunque secondo la legge italiana, è “solennità civile, giornata della pace, della fraternità e del dialogo tra appartenenti a culture e religioni diverse”. E così ogni anno la Basilica di San Francesco in Assisi diviene il cuore di tutta la nazione italiana. Alla presenza di gran folla di fedeli e di alte personalità della gerarchia ecclesiastica e dello Stato, il sindaco del capoluogo d’una regione scelta ogni anno a turno a rappresentare la Patria, riaccende la Lampada Votiva dei Comuni d’Italia, che rischiara la cripta dove riposano le spoglie di San Francesco (quest’anno tocca al Molise offrire l’olio ed al sindaco di Campobasso accenderla a nome di tutti gli italiani). La lampada rappresenta la devozione, l’ammirazione e l’omaggio di tutto il popolo italiano verso un suo figlio illustre, ed è simbolo di pace, di fraternità, di collaborazione fra tutti i cittadini d’Italia.

La ricorrenza acquista una particolare valenza simbolica nell’anno delle celebrazioni per il 150° dell’Unità d’Italia.

Corona l’orlo della coppa della lampada il verso dantesco: “Altro non è che di suo lume un raggio”. Il sommo poeta così ai credenti descrive Francesco, quale emanazione della volontà del creatore e ricorda loro l’incommensurabile Sua grandezza.

___________________________________

Modena, 29 settembre 2011

Beretta Roberto

____________

 :roll: strade italiane

BREVE DI PAPA PIO XII CON IL QUALE VENGONO PROCLAMATI SAN FRANCESCO D’ASSISI E SANTA CATERINA DA SIENA PATRONI D’ITALIA
– San Pietro, 18 giugno 1939 –

Pio XII Pontefice Massimo a perpetua memoria.
La sollecita cura della Chiesa universale che ci è stata commessa dal Divino Redentore ci spinge sempre a procurare quanto più ci è possibile il bene di tutti i fedeli sparsi per tutta la terra; ma poichè la Divina Provvidenza ha voluto che la cattedra romana di San Pietro fosse stabilita in Italia, la nostra volontà non può non rivolgersi in modo particolare a promuovere i vantaggi spirituali degli italiani e perciò appena ce ne è data l’occasione, ci disponiamo ad eseguire con solerte cura tutte quelle cose che ci sembrano le più opportune al fine predetto. “Sicchè nelle difficoltà dei tempi, che da ogni parte premono anche le genti d’Italia, nessun altra cosa è più conforme al nostro ufficio pastorale, nonchè all’effetto che nutriamo verso i nostri connazionali, quanto l’assegnare loro presso il Signore, particolari patroni celesti, i quali ne siano come i custodi e i difensori.
“Chi di noi invero potrebbe mai dubitare di non essere aiutato giorno per giorno dal patrocinio dei Santi presso Dio, specialmente quando, trovandosi in angustie si appoggia alla intercessione dei Santi, invoca il Signore e sente subito che il Signore lo esaudisce?
“E questo tanto più giustamente può dirsi di quel patrocinio, col quale i santi proteggono le genti e le nazioni, specie quelle alle quali si sforzarono in tanti modi e in tante particolari circostanze, di portare aiuto, mentre essi ancora erano in terra, spinti dall’amore di Patria.
“Senza alcun dubbio ciò si deve affermare di San Francesco d’Assisi e di Santa Caterina da Siena che, italiani ambedue in nostra Patria, in ogni tempo madre di santi. Di fatSt_Catherine_of_Sienati San Francesco poverello e umile vera immagine di Gesù Cristo, diede insuperabili esempi di vita evangelica ai cittadini di quella sua tanto turbolenta età, e ad essi anzi, con la costituzione del suo triplice ordine aprì nuove vie e diede maggiori agevolezze, per la correzione dei pubblici e privati costumi e per un più retto senso dei principi della vita cattolica.
“Né altrimenti si adoperò Santa Caterina, la fortissima e piissima vergine, che valse efficacemente a ridurre e a stabilire la concordia degli animi delle città e contrade della sua Patria e che mossa da continuo amore, con suggerimenti e preghiere, fece tornare alla sede di Pietro in Roma i romani pontefici, che quasi in esilio vivevano in Francia, tanto da essere considerata a buon diritto il decoro e la difesa della Patria e della Religione.
“Ora poi il signor Cardinale Carlo Salotti, prefetto della Congregazione dei Riti, ci ha detto che gli arcivescovi d’Italia, assecondando il comune desiderio dei fedeli, fanno voti e ci rivolgono anzi supplici preci, affinché San Francesco d’Assisi e Santa Caterina da Siena, vengano da noi dichiarati e costituiti Patroni Primari d’Italia con l’intento di riaccendere l’avita pietà e farla maggiormente crescere. A questi voti si aggiunge anche l’amplissima commendatizia dello stesso porporato e perciò considerate attentamente tutte le ragioni e le circostanze ben volentieri abbiamo deciso di annuirvi.
“Pertanto di nostro motu proprio di certa scienza e dopo matura deliberazione colla pienezza di nostra apostolica podestà, in virtù delle presenti lettere, dichiariamo da questo momento e costituiamo in perpetuo San Francesco d’Assisi e Santa Caterina Patroni Primari d’Italia.
“Con la stessa autorità e in forza delle presenti da volere in perpetuo decretiamo che in Italia e nelle isole adiacenti, si celebrino ogni anno, dall’uno e dall’altro clero, nei giorni stabiliti e le feste degli stessi Patroni con relativa messa ed officio in rito doppio di prima classe, ma senza ottava, nonostante qualsiasi cosa in contrario.
“Ciò benevolmente ordinano e decretano, comandando che le presenti lettere rimangano sempre ferme, valide in tutta la loro efficacia ; che ottengano i loro pieni e interi effetti che se ne possano pienamente valere oggi e in futuro quelli cui spetta o potrà spettare; e così doversi esattamente giudicare e stabilire, dichiarando fin d’ora in vita ed inane, qualsiasi cosa che dal riguardo, da chiunque o da qualsiasi autorità, scientemente o ignorantemente possa essere attentata in contrario.
“Dato a Roma presso San Pietro sotto l’anello del Pescatore il 18 giugno del 1939 – 1ò del nostro pontificato.
Luigi Card. Maglione- Segretario di Stato.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>