Franza o Spagna

(L’IMPORTANTE CHE CI DATE DA MANGIARE)

La frase sgrammaticata è stata colta dalla telecamera mentre un florido signore in maniche di camicia così si rivolgeva al candidato sindaco in visita alla città nel suo tour pre-elettorale. Andare per rioni popolari ad incontrare la gente comune prima delle elezioni è un rito al quale il candidato si consegna con entusiasmo. Le promesse non costano, e portano voti. Andarci dopo il voto è inutile. L’ eletto diventa il popolo. Con il voto il popolo esercita la libertà ma nello stesso istante la perde. L’ atto che è il culmine della libertà individuale segna invece l’ inizio della schiavitù.Dopo il voto il popolo non è più nulla. “L’ importante che ci date da mangiare” ratifica la resa, l’ atto di sottomissione, la genuflessione, diventa invocazione, atto di disperazione, grido ultimo dell’ istinto di sopravvivenza. Di meno non c’ è proprio più niente.

La rappresentanza nella vita politica è una forma inadeguata, che deve essere superata perché la democrazia giunga a compimento. Il popolo, da soggetto passivo del governo degli eletti, deve diventare attore, nel significato di colui che agisce sulla scena politica e fabbro del proprio destino. Deve attraversare il Mar Rosso. Da schiavo a uomo libero. Da suddito a cittadino. Tale metamorfosi si realizza con l’ assunzione in prima persona della responsabilità. Non si può restare indifferenti. “I care = mi interessa” è la chiave di volta. Bisogna tornare a far politica, che non è l’ arte del compromesso, ma il parlare della vita della comunità nel confronto delle opinioni al fine di individuare la soluzione migliore e condivisa perché tutti possano crescere spiritualmente e materialmente. L’ eletto cura l’interesse particolare, il cittadino invece mette al servizio di tutti le sue capacità per il bene pubblico, il benessere, il progresso della società.

Già ne parlava Rousseau, agli albori della democrazia dell’ era moderna: “Il popolo inglese ritiene di essere libero; si sbaglia grossolanamente; è tale solo durante le elezioni dei membri del parlamento; non appena questi sono eletti, è subito in schiavitù, è un nulla. L’ uso che esso fa della libertà nei brevi momenti in cui la possiede gli fa ben meritare di perderla”. (JJ Rousseau, Contrat Social, 1762).

Modena, 27 maggio 2011

Beretta Roberto

______________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>