Uno svizzero vince il giro d’Italia numero 100

Concluso ieri a Milano il giro d’Italia del centenario. Entusiasmante sotto l’aspetto agonistico, vergognoso sul piano dell’etica sportiva. Questa l’immagine teletrasmessa ogni pomeriggio dalle tre alle cinque su rai due: immondizia gettata generosamente per tutte le strade italiane, un volare e uno strisciare sull’asfalto di borracce, involucri di barrette energetiche lasciate cadere al margine dei bei prati erbosi, nelle valli alpine, sugli asfalti cittadini, del centro e della periferia, fra gambe di spettatori e in luoghi solitari, spudoratamente, con stupida ed arrogante indifferenza, maleducati in servili divise colorate osservati cronicamente da telecamere nel gesto offensivo – verso la natura – enfatizzato persino con incredibile ed umiliante “replay” rallentato, cronisti da campanile arrampicati sugli specchi a difesa dei girini con ragionamenti goffi e puerili, panzane credibili solo da acefali e sciocchi. Eppure l’immondizia sparsa sul bel paese da questi pochi beceri non è nulla rispetto alle tonnellate che getteranno milioni di spettatori, emuli di tali sedicenti campioni! Il messaggio infatti è lapalissiano : “non ce ne frega niente dell’ambiente, sporcare è facile, bello, e consentito”. A questo proposito si è visto forse un solo sindaco scandalizzato far applicare le sue stesse ordinanze “multa di un sacco di euro per chi abbandona i rifiuti nel territorio di questo o di quest’altro comune”? Al contrario, fanno ponti d’oro, il sindaco di Milano ad esempio, un tipo di sinistra, tutto contento per la festa e per il sollazzo del suo popolo, ha mezzo promesso da buon servo di fare arrivare la carovana del giro anche nei prossimi anni in Piazza Duomo. Il ciclismo tira, fa audience, e nell’ immaginario porta voti. E pensare che c’era qualcuno che si aspettava, visto l’entusiasmo di popolo, che facesse qualche mezza promessa di piste ciclabili per fare andare tutti questi sfegatati in bicicletta!

Ma è poi così difficile portarsi a casa quattro rifiuti? Quanto costa in termini energetici infilarsi i residui di carta o plastica che sia nelle tasche delle magliette? Un gesto semplice e alla portata di tutti: i ciclisti della domenica lo fanno, perché non lo sanno o non lo debbono fare dei professionisti? Sono più belli degli altri? Se ti pagano puoi sporcare? Cosa cambia se un gregario riconsegna le borracce all’ ammiraglia, facendo esattamente al contrario quello che ha fatto andandosele a prendere, salvo il fatto che adesso sono vuote?

Meno male che c’è la Svizzera, anzi lo svizzero, un ciclista ripreso come in un tutorial mentre mostra sorridente al popolo intero ed alla carovana ivi compresi sponsor, dirigenti sportivi e giornalisti al seguito, come si deposita nella tasca posteriore della maglietta la confezione vuota di una barretta energetica senza perdere un metro dal gruppo che sta attorno. Un grande spot da trasmettere all’inizio ed alla fine delle molteplici interruzioni pubblicitarie delle rubriche televisive del centesimo e dei futuri giri d’Italia.

_______________________________

Modena, 29 maggio 2017, Beretta Roberto Claudio

__________________________________________