Allegria (Giorgio Caproni)

Faceva freddo. Il vento
mi tagliava le dita.
Ero senza fiato. Non ero
stato mai più contento.

(Giorgio Caproni, Allegria, 1983)

Giorgio Caproni: Livorno,1912-Roma,1990

Affrontare la montagna d’inverno, in solitudine, a mani nude, sfidare sé stessi, vincere la paura per mezzo della volontà e della propria forza, confrontarsi alla pari con la natura selvaggia: ebbene, nella fatica e nel dolore della prova necessaria per raggiungere la cima, si sperimenta vera gioia. Affrontare e superare gli ostacoli che la natura offre, opponendosi con coraggio ed umiltà, consci dei propri limiti, sopportando disagi dolori e sofferenze, mettendo anche in gioco la propria vita, genera fiducia in sé stessi e suscita compiacimento, gioia di vivere, allegria. (r.b.)

:roll: poesie

_____________________________

Modena, 16 Ottobre 2011

Roberto Beretta

2 pensieri su “Allegria (Giorgio Caproni)

  1. Sono Regina, un’alunna di seconda media della scuola la traccia. questa poesia mi ha veramente colpito perché mi fa riflettere sull’allegria, come essere allegri, la felicità centra anche in questa poesia. Grazie Veramente. Cordiali Saluti

    • Cara lettrice, sono contento di averti fatto conoscere questa poesia, che ti ha dato spunti di riflessione. Da parte mia penso che siamo allegri quando vediamo realizzarsi i nostri sogni, non importa se per fare ciò abbiamo fatto o stiamo facendo una grande fatica. Ti auguro di essere spesso allegra. Spero infine che tu troverai nuovi motivi di riflessione leggendo le altre poesie della rubrica … E grazie per aver visitato il sito. Roberto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>