C’ era una volta un re

Concorso storico letterario

Tra storia e fantasia

Nel 150° dell’ Unità d’ Italia

SOCIETA’ DANTE ALIGHIERI

COMITATO DI MODENA

Il tempo non era dei migliori ma la famiglia Misley aveva mandato la loro primogenita, Isabella, ad acquistare della stoffa bianca, rossa e verde.La piccola, attraversando le strade per arrivare al negozio di tessuti, osservava i grandi lavori che si stavano compiendo. Era una giornata di fine aprile e già, dalle prime luci dell’alba, c’era un grandissimo movimento. Tra qualche giorno re Vittorio Emanuele II avrebbe onorato della sua presenza la città di Modena.

Arrivata a destinazione, si meravigliò molto nel vedere che, prima di lei, c’erano almeno sei o sette persone, fece quello che avrebbe fatto chiunque: aspettò il suo turno. Ella non era a conoscenza del grande evento e quando il padre le aveva commissionato quell’acquisto, era uscita di casa solo perché era nel suo carattere obbedire agli ordini superiori.

Arrivato il suo momento, si schiarì la voce e disse:

“Della stoffa bianca, rossa e verde, per piacere”

Una voce calda e amica rispose: ” Certamente, aspetta qui”.

Terminata la breve attesa, Isabella mise alcune monete sul bancone, prese la merce appena acquistata e uscì.

Quando arrivò a casa, trovò l’intera famiglia impegnata a scrivere su un lenzuolo bianco: ” Viva il Re”. La ragazza stupita, stette, per un attimo, sull’uscio a osservare la scena, e le cadde per terra ciò che aveva in mano.

La madre si voltò e, con espressione seccata, disse: ” Perché ci hai messo tanto?”.

Isabella spiegò tutto, poi consegnò la stoffa appena acquistata alla mamma alla quale, nel vederla, brillarono gli occhi.

Corse a prendere ago e filo e in poco tempo realizzò una magnifica bandiera che appese subito alla finestra insieme a quel misterioso lenzuolo bianco.

Isabella era confusa: persino a casa sua c’era quel clima di laboriosità che era presente per le strade. Nella sua testa si affollavano domande, ma l’atteggiamento sempre scontroso e frettoloso dei genitori le impediva di chiedere spiegazioni, le sembrava ci fosse una gran confusione, ci volle un gesto affettuoso di sua sorella per farla tornare in sé.

La richiesta poi della madre di realizzare fiocchi, stelle, coccarde con la stoffa avanzata, la sconvolse ulteriormente.

Prima di poter rispondere, si trovò in mano ago, filo e brandelli di stoffa.

Si guardò intorno e prese esempio da sua madre che, con mano veloce, metteva il lavoro finito in una cesta per poi iniziarne subito un altro.

Tutta la sera trascorse così e per la stanchezza Isabella si addormentò.

Il giorno dopo, il primo di maggio, contrariamente alle sue abitudini, venne svegliata alle sette del mattino. La madre, tutta eccitata, si rivolse alla figlia che però non riuscì a capire ciò che le era stato detto, si alzò comunque dal letto e notò, ai suoi piedi, un cestino coperto da un fazzoletto ricamato.

Un nuovo ordine le fu imposto: andare a distribuire tra la folla che si accalcava nella piazza sempre più numerosa, i nastrini tricolori che aveva confezionato della sera precedente. Isabella fu costretta a distribuire coccarde fino all’ora di pranzo.

Si recò dalla sua amica Anita, che l’aveva invitata a pranzo, e fu proprio lì, da Anita che scoprì il mistero di tanta agitazione. Le raccontarono, in ogni particolare, dei festeggiamenti organizzati, come era fatto il re, che cosa portava con sé e tante altri piccoli particolari.

Tornata a casa Isabella, vide ancora la sua famiglia indaffarata e capì che non era il momento adatto per porre ulteriori domande sul re, in quanto i racconti di Anita le avevano stuzzicato la curiosità di conoscere colui che regnava sulla sua terra natia. Così, per tutto il resto della giornata, andò avanti e indietro per la casa immaginando il suo re.

I due giorni seguenti passarono velocemente tra commissioni, bandiere e altro.

Ma una sera, il 3 maggio, la madre d i Isabella estrasse dall’armadio un vestitino rosa con intarsi di pizzo nero, elegantissimo, tanto che la ragazza non poté credere che quel gioiello di abito fosse destinato proprio a lei, in occasione dei festeggiamenti per l’arrivo del re. In quella occasione, finalmente ottenne dalla madre quelle spiegazioni che aveva tanto desiderio di conoscere, le raccontò la storia di un re così grande e così amato dal suo popolo che quando ci fu il plebiscito per annettere Modena al regno di Sardegna, solo pochi modenesi votarono no.

Al termine del racconto, Isabella era talmente affascinata che non poté fare a meno di esclamare: “Come sarebbe bello se l’Italia avesse un tale re …”

Ma la madre, che voleva arrivare proprio a quel punto, fece un sorrisino misterioso e rispose: “Mia cara, dovresti sapere che questo grande re esiste e presto avrai modo di vederlo di persona”.

Isabella non credeva alle proprie orecchie e sebbene fosse molto giovane, capì tutto quello che nessun altro avrebbe potuto capire.

Così andò subito a letto per riposarsi per il giorno dopo.

All’alba del 4 maggio 1860, giorno fondamentale per la storia di Modena, Isabella era già sveglia. Corse a indossare il suo splendido abito rosa e nero e acconciò i capelli in modo che i lunghi boccoli neri le cadessero sulle spalle.

Sua madre prese un parasole di seta giallo che per lei era come una reliquia, poi, ad ogni esponente della famiglia, appuntò una coccarda sul petto e tutti insieme si avviarono verso la stazione.

Aspettarono fino alle nove e mezzo prima di vedere il re. Ad accoglierlo c’era tutta la città: le donne sembravano delle spose, le bambine delle piccole principesse e gli uomini indossavano i loro vestiti migliori o erano in alta uniforme.

Tutta la popolazione modenese era accorsa ad acclamare il sovrano, che da una carrozza scoperta, sfilava in parata lungo le mura della città, salutando con la mano i suoi sudditi.

Ovunque erano appese una molteplicità impressionante di bandiere e di arazzi e molte frasi patriottiche, altre erano più semplici come ” Viva Vittorio Emanuele Re d’Italia” oppure “Viva il re” e molte altre ancora.

Verso la tarda mattinata, il re si affacciò al balcone del Palazzo Estense e ancora una volta salutò il suo popolo che continuava affettuosamente ad acclamarlo lanciando cappelli in aria, e battendo le mani.

In un angolo di piazza Roma, senza che nessuno se ne fosse accorto, c’era lo sguardo commosso di una ragazzina di tredici anni che piena di ammirazione e di riconoscenza guardava il re: il suo Grande Re.

SOCIETA’ DANTE ALIGHIERI

COMITATO DI MODENA

Concorso Storico Letterario

“C’ era una volta un re …”

Tra storia e fantasia

Terzo classificato

Scuola secondaria di 1° grado “P.Paoli” Modena

Classe 3B Scritto e inventato da: Silvia Beretta

                                                                                                         

ASCMO, Indice, bandi dalle stampe 1860-1861 – Tomo 40: arrivo del Re n.58-84

ASCMO, La Gazzetta di Modena 5-6-7 maggio 1860

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>