Tasse ed equitá sociale

C’è molta attesa per i provvedimenti del governo in materia economica. I miliardi di debito pubblico sono 1900. Secondo il rapporto annuale della Guardia di Finanza, nel 2010 gli italiani non hanno dichiarato al fisco redditi per quasi 50 miliardi di euro (fonte: www.gdf.it). Questa cifra naturalmente è solo l’evasione accertata. Tenuto conto delle insufficienti forze impiegate dallo Stato per contrastare il fenomeno, e le difficoltà in cui si trovano ad operare, figuriamoci a quanto può ammontare il totale ! Perciò gli evasori sono fra i principali responsabili del debito attuale.

Chiedendo la fiducia al parlamento il neopremier ha detto che i sacrifici dovranno essere equi. Ne consegue che per riequilibrare la bilancia dell’equità sociale, ora tocca solo a chi non ha ancora pagato. Come dunque far pagare gli evasori ? Con la tassa patrimoniale. Immobili, auto, beni e servizi di lusso. Non una tantum, ma per semper.

Come rendere equa l’imposizione fiscale ? Col passaggio dalla tassazione dei redditi alla tassazione dei patrimoni. Ti chiedo tasse non in proporzione a quello che dici di avere, ma in proporzione a quello che so che hai. Con la tassazione dei redditi, finisce che solo dipendenti e pensionati pagano le maggiori tasse, e almeno per due volte: per sé e per chi evade. Per lo Stato è quasi impossibile o molto oneroso trovare i redditi non dichiarati. Ma altrettanto impossibile risulta al contribuente nascondere una proprietà immobiliare o un auto o una barca.

Senza voler discutere sul piano dell’etica, ricordo solo che dipendenti e pensionati non sono degli uomini onesti perché pagano le tasse, né gli evasori dei delinquenti in quanto non le pagano o non le pagano tutte. I primi infatti non possono nascondere il reddito e quindi sono onesti per forza maggiore, cioè si trovano ad essere forzosamente onesti loro malgrado. I secondi, che invece potrebbero essere onesti davvero, obbedendo alle leggi ed alla loro coscienza, messi di fronte alla possibilità concessa loro di trarre un vantaggio personale, rinunciano al piacere ed al dovere dell’onestà perché, resi ciechi da decenni di amministrazione statale compiacente e permissiva, non sanno più vedere né le necessità del paese che li nutre, né che la qualità della loro vita e la possibilità di esercitare il loro lavoro e di fare guadagno, dipende in massima parte dal benessere della comunità che li accoglie.

Il maggior gettito ottenuto con la tassazione dei patrimoni, servirà dunque a questa duplice finalità: da un lato sarà utilizzato per diminuire il debito pubblico, dall’altro consentirà di ridurre le aliquote irpef su lavoro dipendente e reddito di pensione irrobustendo il potere d’acquisto delle buste paga, di ridurre la tassazione delle imprese liberando risorse per investimenti produttivi ed assunzioni, infine di ridurre la pressione fiscale ed i balzelli ai commercianti, che potrebbero praticare prezzi più bassi e competitivi favorendo i consumi.

________________________

Modena, 3 dicembre 2011,

Roberto Beretta

_________

LEGGI GLI ALTRI ARTICOLI DI ATTUALITA’

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>