Giuramento e secessione

Un po’ di┬á ripasso di alcuni fondamentali della nostra democrazia, tratti dalla Costituzione della Repubblica, ad uso di certi ministri e loro colleghi di governo, loro alleati politici, nonché oppositori di ogni tendenza, ed infine cittadini che costituiscono l’opinione pubblica.

“La Repubblica italiana [è] una ed indivisibile [ÔǪ]” (art. 5). “La bandiera della Repubblica italiana è il tricolore: verde, bianco, rosso, a tre bande verticali di uguali dimensioni” (art 12).┬á”Tutti i cittadini┬á hanno il dovere┬ádi essere fedeli alla Repubblica e di osservarne la Costituzione e le leggi.┬áI cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche, hanno il dovere di adempierle, con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge” (art. 54).

“Il Presidente del Consiglio dei ministri e i ministri, prima di assumere le funzioni, prestano giuramento nelle mani del Presidente della Repubblica” (art. 93). Questa è la formula scelta per il giuramento:┬á “Giuro di essere fedele alla Repubblica, di osservare lealmente la Costituzione e le leggi e di esercitare le mie funzioni nell’interesse esclusivo della nazione”. (Legge 23 Agosto, 1988, n. 400, Disciplina dell’ attivita’ di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri)

 

I ministri della Repubblica italiana non invocano la secessione, non fanno alzabandiera di vessilli diversi dal tricolore né se ne vanno in giro ostentando simboli che richiamano improbabili entità nazionali; non offendono con turpiloquio il tricolore, non si coprono di ridicolo facendosi fotografare in canottiera o presiedendo a riti ancestrali e spettacoli carnevaleschi, e ancora minacciando eserciti inesistenti o proponendo referendum non previsti in alcuno statuto della Repubblica; non attendono trepidamente né operano fattivamente per il fallimento del proprio paese (sarebbe l’Italia) nella semplicistica e puerile speranza che per contrappeso si innalzino le sorti di una vagheggiato improbabile nuovo stato, nella logica del tanto peggio tanto meglio.┬áTali┬áministri sono┬ávenuti meno al giuramento di fedeltà alla Repubblica prestato nelle mani del Presidente della Repubblica all’atto dell’assunzione della carica, operano contro l’interesse nazionale,┬ásono pericolosi per la sopravvivenza dello Stato unitario ed indegni della carica che ricoprono con disonore.

Fino a quando la classe politica condiscendente e i cittadini italiani in larga maggioranza rassegnati ed apatici consentiranno questo scempio delle istituzioni ? Non si accorgono che lo Stato è picconato nelle sue fondamenta? Se affidiamo il nostro patrimonio ad un cattivo amministratore che si propone di portarci via l’argenteria per farsi una qualche sua nuova casa da un’altra parte, faremmo finta di niente, lo lasceremmo continuare addirittura incoraggiandolo e per giunta pagandogli un lauto stipendio ? Non sarebbe l’ora di svegliarsi dal pisolino ?

___________________________

Modena, 24 settembre 2011

Beretta Roberto

_____________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>