Seconda battaglia del Don

LA SECONDA BATTAGLIA DEL DON

(11-16 dicembre 1942)

Bloccata l’avanzata della sesta armata tedesca davanti a Stalingrado e completatone l’accerchiamento, i russi rivolsero l’offensiva militare al fronte del Don e quindi contro l’Armir, l’armata italiana schierata lungo il fiume, come ricorderemo, al fianco della 17ò armata tedesca ed assieme ad altre forze, rumene ed ungheresi. I bombardamenti, che preannunciavano gli attacchi della fanteria e dei mezzi corrazzati dell’Armata Rossa sulle linee italiane, iniziarono l’11 dicembre, il giorno precedente l’iniziativa tedesca affidata a von Manstein, col compito di soccorrere l’armata di Paulus ingabbiata a Stalingrado.

Il fronte del Don si sviluppava per circa 270 km, ed era talmente lungo e talmente insufficienti le forze che lo presidiavano, che si calcola vi fosse impiegato un uomo ogni 7-10 metri di fronte. Le forze italiane non avevano nelle retrovie seconde schiere da impiegare in caso di sfondamento da parte del nemico, e tale debolezza costituiva una grave minaccia per la sicurezza dell’intera armata, che fu poi effettivamente travolta per mancanza di rincalzi. A nulla valsero le ripetute lamentele dei comandi italiani presso l’alleato tedesco. Nell’Operazione Piccolo Saturno, tale fu il nome che i russi dettero all’offensiva di dicembre sul Don, furono impiegati una imponente quantità di mezzi e di uomini, che senza risparmio venivano mandati all’attacco a ranghi serrati contro le postazioni italiane.

Per cinque giorni, i soldati italiani riuscirono a resistere ai tentativi di sfondamento nemici, in condizioni proibitive, con grandi sacrifici di uomini, e passando più volte al contrattacco. Tuttavia il 16 dicembre i bombardamenti condotti con l’artiglieria pesante, con mortai e con lanciarazzi mobili montati su autocarri (Katiuscie), si intensificarono su tutta la linea difesa dai soldati italiani, con inspiegabile eccezione del settore presidiato dagli alpini. Dopo un’ora e mezzo di intensi bombardamenti, seguirono l’attacco della fanteria e dei carri armati. Le difese italiane resistettero ancora strenuamente, ma non fu più possibile respingere gli attacchi. Lo sfondamento avvenne presso la località di Werchnje Mamon, tra il settore di congiunzione delle due divisioni italiane Cosseria e Ravenna e la 27a divisione corazzata tedesca. In questo tratto i russi avevano concentrato ingenti forze.

_____________________________

Dal fronte del Don, 10 novembre 1942, un mese prima della seconda battaglia del Don, lettera di un soldato.

lettere zio 001Mio zio Francesco, penultimo di 15 fratelli, aveva iniziato adolescente a fare il muratore, partì ventunenne con l’Armir. Catturato in battaglia durante la ritirata nel gennaio successivo, morirà di stenti in un campo di prigionia russo il 2 maggio 1943. La foto di apertura de “La campagna di Russia – II -L’Armir” lo ritrae, a sinistra, con un commilitone e compaesano mentre passeggia il 3 aprile 1942 per una via di Novara, città dove era di stanza il suo reggimento appartenente alla divisione Sforzesca. Lo stile impacciato e lo scritto pieno di errori di ortografia è quello di un giovane di famiglia contadina, che ha fatto i primi anni di scuola elementare, uso a parlare il dialetto in casa. Egli scrive alla mamma, e dopo l’iniziale rassicurante notizia che egli ha dovuto fare il muratore anche in terra sovietica, e la gioia espressa per aver ritrovato un caro amico, conosciuto anche dalla mamma, deve affrontare un problema spinoso. Quasi con senso di colpa è costretto a tradire l’immagine che si è creata nelle precedenti lettere per non dare motivo di preoccupazione ai familiari, un’immagine di uomo sicuro di sè, che sa cavarsela nelle difficoltà, che non ha bisogno di nulla. Ma che ora non ce la fa più a sopportare il freddo polare dell’imminente inverno e con malcelata vergogna è costretto a chiedere alla mamma un paio di calze di lana ben spessa per evitare il congelamento.

10 – 11 – 42 Cara mamma mi scuserete del mio ritardo ma non è colpa mia, prima di tutto son già 16 giorni che non ricevo vostre notizie e secondo in questi giorni o avuto molto da fare o dovuto fabricare una piccola casa per dormire che volte anche qui in Russia (censura) o dovuto lavorare da muratore è la vita così. Mamma vi faccio sapere che l’altro giorno o trovato il mio amico Francesco il figlio di Alessandro della Vaghi… (illeggibile) non potete in maginare la mia contentezza dopo tutto quello che o passato o parlato ancora (continua)

________________________________

L’esercito russo, senza più incontrare resistenza per la mancanza di seconde linee, dilagò in tutte le direzioni con reparti mobili e corazzati, ed in altri punti ancora furono aperte brecce e teste di ponte, attraverso cui penetrarono spingendosi per chilometri nelle retrovie alle spalle dello schieramento italiano e tedesco. La divisione alpina Julia ed il  battaglione sciatori Monte Cervino, distanti ben 80 chilometri dai punti di sfondamento, furono immediatamente inviate in soccorso. Giunsero dopo due giorni di marcia nel freddo polare, quando ormai la falla nello schieramento italiano era diventata così ampia da non poter essere più ricucita.

Il 18 dicembre iniziò la ritirata dell’Armir, ad esclusione degli alpini, che invece vennero lasciati sulle posizioni ancora per un mese.

________________________________________

(segue) lettere zio 001_1con un mio amico, ma ora potrò trovarmi ogni tanto, perchè si trova anche lui al mio Regg. Cara mamma mi scuserete se vi chiedo qualche cosa ma qui il freddo è tanto pesante che in questi giorni fa 23 o 25 gradi di freddo l’altro giorno a già fatto una congelata, e quindi vorrei chiedervi delle calze di lana ma ben grossa sempre spero che potete perchè o soportato fin ora ora il freddo è troppo e mi son deciso di cercarvele. Ora sperandovi sempre in buona salute vi invio i miei più aff…si saluti e un bacio ai nipotini e che a voi cara mamma vi ricordo sempre sono vostro figlio Francesco”.

__________________________

Modena, 28 novembre 2011, Beretta Roberto

Unione Sovietica, settore centrale medio Don, 22 novembre 1942, Beretta Francesco

_______________________________________

Bibliografia: Italianski Campagna di Russia 1941/1943, Verano Ricorda, ANCRS sezione di Verano Brianza

continua mercoledì 5 dicembre

La campagna di Russia

< La battaglia di Stalingrado < ——– > La valle della morte >

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>