Guerriglia oscura Indignati

Ore di guerriglia a Roma durante la manifestazione degli ‘indignati’. Pochi violenti ben organizzati, mescolati ai pacifici cittadini che volevano esprimere democraticamente le loro opinioni, hanno devastato il centro urbano ed ingaggiato scontri con le forze dell’ordine, assaltando ex-caserme, filiali di banche, incendiando auto e cassonetti. La violenza fa sempre notizia ed occupa le prime pagine dei giornali, e purtroppo questi gruppi di teppisti hanno oggi ottenuto il risultato notevole di oscurare ciò che i manifestanti desideravano portare all’attenzione dell’opinione pubblica nel corteo romano, impedendo la loro libertà di esprimersi. Le vittime di questa violenza sono proprio i 200.000 cittadini scesi in piazza. Il movimento degli ‘indignati’, nato in Spagna in maggio,scuote tutto il mondo occidentale. Disoccupati, pensionati, studenti, poveri, diseredati. La protesta si allarga di ora in ora. La grande finanza, le banche, il capitale sono ritenute responsabili delle condizioni di difficoltà economica, di peggioramento delle condizioni di vita, di precarietà in cui versa la maggioranza dell’umanità, soprattutto le nuove generazioni senza prospettive di lavoro per il futuro. Essi ritengono che le classi sociali più deboli non debbano essere chiamate a pagare con misure draconiane la crisi finanziaria degli stati, la cui responsabilità è di pochi privilegiati.

Modena, 15 Ottobre 2011, Roberto Beretta.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>