Risarcimento errore medico

Una campagna pubblicitaria appena conclusa sui teleschermi ha posto il tema del risarcimento dell’ errore medico. In internet si moltiplicano i siti che offrono assistenza legale per ottenere risarcimenti. Mancate o errate diagnosi di patologia, malpractice, perfino danni causati a familiari e parenti. Sorvoliamo sulla minacciosità┬áe sull’ impostazione terroristica dell’annuncio pubblicitario, che oltre ad aver gettato nel panico buona parte della classe medica, consente di perseguire giudiziariamente coloro ai quali ci si è rivolti per caso di necessità (è come sparare sui soccorsi), fino a dieci anni dall’evento o dalla percezione del danno da parte del danneggiato, sempre 👿 che sia possibile dimostrare che il danno non si sarebbe presentato in caso di tempestiva e corretta diagnosi. La stragrande maggioranza dei medici ha messo al primo posto nella scelta della professione motivazioni puramente etiche, desiderando mettere a disposizione degli altri il proprio tempo e le proprie capacità, nel tentativo, o nell’illusione, di alleviare le sofferenze o di restituire al prossimo il┬á preziosissimo bene della salute. Il medico, agisce nell’esclusivo interesse del paziente, ed ogni sua decisione si conforma a tale obbiettivo. Nell’esercizio della sua professione egli utilizza algoritmi decisionali, strumenti e terapie che implicano un rischio non completamente eliminabile per il paziente. E’ naturalmente compito del medico prospettare le opzioni diagnostiche e terapeutiche ed i rischi che esse comportano, ottenendo il consenso all’esecuzione. Purtroppo l’alea terapeutica ed i rischi connaturati ad ogni atto medico sono ineliminabili. Spetta al paziente comprendere ed accettarli, comprese le conseguenze indesiderate. Un tempo la relazione medico-paziente era improntata all’alleanza dei due soggetti, alla fiducia del paziente nel medico, alla competenza ed alla┬ásofferenza interiore del medico investito di una grande responsabilità.

┬áOggi invece si diffonde la presuntuosa e falsa credenza secondo cui, in forza del fatto che la salute è un diritto sancito dalla costituzione, allora alla base di ogni insuccesso sul percorso diagnostico-terapeutico, vi debba essere necessariamente un colpevole che paga e viene punito. Questo concedendo la buona fede del denunciante, ma viene invece il sospetto che più prosaicamente ci sia il tentativo di metter mano su dei soldi con poca fatica e rischio, da parte di avvocati e ingenue vittime di presunti errori medici, atteggiamento tanto più odioso in quanto fatto ai danni di una categoria, i medici, poco capace di difendersi, perché┬áassorbita dalla cura delle persone. La prima conseguenza della moltiplicazione delle┬ádenunce┬áè la distruzione del rapporto medico-paziente improntato all’alleanza.┬áVittima e soccorritore┬ádiventano entità┬ádistinte e distanti che interagiscono incidentalmente mediante artifici tecnici e scartoffie.┬áIl┬ávenir meno del principale elemento di successo dell’atto medico┬ási ripercuote┬ánegativamente┬áed inevitabilmente sul malato. Il medico a sua volta,┬ápoichè “tiene famiglia”,┬átenderà a vedere┬ánel paziente non una persona da assistere ma un potenziale┬áaggressore┬ádel proprio equilibrio e status┬ásociale, e si difenderà┬árifugiandosi┬ánella prudente arte della medicina difensiva, il che comporta un esponenziale aumento dei costi per le aziende sanitarie, pagati anch’essi┬águarda caso dal cittadino.┬áUn altro aspetto riguarda il lievitare delle cifre risarcitorie a carico delle strutture sanitarie troppo remissive,┬áche molto spesso patteggiano per chiudere┬áil contenzioso,┬áe delle polizze┬áassicurative a carico dei medici.┬áVale la pena ricordare che i risarcimenti pagati dal servizio┬ásanitario si riflettono su un aumento della tassazione e quindi sulle tasche dei cittadini,┬ái premi delle assicurazioni sulle parcelle dei medici (liberi professionisti).┬áLa Federazione Nazionale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri ha indirizzato una lettera┬áal ministro della Salute Balduzzi per denunciare┬áuna situazione che sta diventando insostenibile. Si tratta di┬áun’analisi condivisibile, ma non contiene nessuna proposta, quindi destinata a rimanere lettera morta, e a lasciare le cose come stanno. Finirà appallottolata in qualche cestino o dimenticata in qualche cassetto di scrivania.

┬áInvece la questione pu├▓ essere┬áconcretamente affrontata.┬áEcco le proposte. 1) Denunce ai medici: solo per colpa medica grave; 2) Cauzione: al momento della denuncia il denunciante deposita una cauzione pari al 10% della richiesta risarcitoria, al termine della causa, questi soldi vanno al medico denunciato nel caso che non gli venga riconosciuta┬ála colpa contestata, a parziale risarcimento del grave danno esistenziale e di immagine┬ásubito; 3) Assicurazione annuale obbligatoria per tutti i┬ápazienti (compresi i medici), come avviene per l’RC auto, con cui finanziare un fondo risarcimenti per gli errori medici: chi non ha i soldi per pagare dovrà accontentarsi di aver fiducia del medico a cui si rivolge,┬árinunicando completamente al diritto di denuncia; 4) Costituzione del Tribunale per i diritti del medico, il quale a sua volta deve poter difendersi dalla maleducazione, dalle prepotenze, e perfino dalle minacce che qualche volta è costretto a subire nell’esercizio della professione.┬á

_________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 27 ottobre 2012, Beretta Roberto

_______________________________________________

indice attualità

 

APPENDICE 

Testo della lettera della Federazione Nazionale Ordine Medici Chirurghi ed Odontoiatrici al Prof. RENATO BALDUZZI Ministro della Salute

Signor Ministro,

a seguito del riemergere della pubblicità di Obiettivo Risarcimento sulle reti televisive nazionali, pubbliche e private, non possiamo esimerci dal denunciare, ancora una volta, l’ingannevolezza di un messaggio orientato ad affermare il principio che ogni esito indesiderato o presunto tale di una prestazione sanitaria possa essere considerato oggetto di una procedura risarcitoria.

La discutibile trasparenza del messaggio appare ancor più evidente alla luce di una presunta vocazione civica che ispirerebbe l’attività pubblicizzata, mentre in verità lo spot pubblicitario di Obiettivo Risarcimento appare tendere, con ogni evidenza, a promuovere la conflittualità tra pazienti e medici/strutture sanitarie, di fatto patrocinando con “patti quota lite” azioni giudiziarie nei confronti di danni presunti alla persona derivanti da attività sanitarie.

Come già segnalato nel recente passato al Ministero della Salute, al Presidente della Rai, all’Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato, al Comando dei NAS, il Comitato Centrale della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri è molto preoccupato per il proliferare di iniziative, anche mediatiche, che hanno il chiaro scopo di incrementare a dismisura il contenzioso in ambito sanitario, inducendo l’opinione pubblica a ritenere che, sempre e comunque, alla base di ogni evento imprevisto ci sia, o non si possa escludere, una colpa del medico e/o della struttura sanitaria verso cui esercitare azione di risarcimento.

 Questa perversa deriva culturale e sociale minaccia ed erode il rapporto fiduciario medico-paziente disorientando i professionisti che sono, in tal modo, indotti a vedere nel paziente non solo una persona da assistere quanto piuttosto un soggetto potenzialmente ostile da cui difendersi.

┬áTutto questo crea insicurezza nel professionista e mette in crisi la libertà e l’indipendenza di giudizio cui deve ispirarsi l’esercizio professionale del medico. con costi diretti ed indiretti rilevanti ed insopportabili per il sistema sanitario nazionale.

┬áI diritti dei cittadini, compreso il giusto risarcimento di un danno ingiusto, sono il punto di riferimento del quotidiano esercizio professionale medico ed odontoiatrico e della funzione di garanzia dei nostri Ordini, e pertanto riteniamo che i fenomeni di malpractice professionale e malasanità organizzativa e gestionale debbano essere affrontati senza reticenze, omissioni o atteggiamenti elusivi, ma che occorre altresì evitare il rischio di inquinare equilibri fondati sul rapporto di fiducia tra medico, paziente e Istituzioni sanitarie, ricordando che le cose buone in sanità sono nettamente prevalenti anche sulla base di valutazioni terze.

Non possiamo dimenticare, del resto, che sul contenzioso sanitario si muovono interessi enormi nella misura in cui si muove moltissimo denaro, con il rischio per├▓, secondo il modello americano, di guardare più al ristoro degli apparati di contenzioso che alle vittime del danno, con le note ricadute sui costi della sanità e sulle deficienze di equità di accesso alle tutele.

 Certi della Sua attenzione e di un Suo intervento, porgiamo cordiali saluti.

 Il Presidente Amedeo Bianco

 e i componenti il Comitato Centrale della FNOMCeO

 

  

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>