Foto di gruppo su una vetta

Leontopodium_alpinum_Franz_XaverTempo di vacanze, appuntamento all’alba sul piazzale della chiesa, odori e frescura del bosco vicino. Sulle spalle gli zaini a sacco stretti in alto da un cordoncino di cotone intrecciato, il mio zaino azzurro con la culatta blu scuro quasi nero rivela i colori della squadra del cuore. Un miscuglio di odori di gomma di plastica di panini al prosciutto e alla bologna, frutta fresca, uova sode. Nè possono mancare le scatolette di carne simmenthal e due bottiglie di oransoda e lemonsoda. La gara di chi ha più panini è stravinta dall’Elli con nove, segue Limonta con otto, ultimi io e Ferra con grave distacco e vergogna. Anche Bracco è fra i primi. La corriera si muove, già colma di tutti i ragazzi della quarta e della quinta elementare.

Ci attende il cielo azzurro, l’aria frizzante, il tuffo dell’acqua negli abbeveratoi, il profumo acre della corta e tenace erba sulle colline moreniche, il suono lento dei campanacci delle vacche al pascolo. Le brune alpine ingombrano la carrareccia verso le baite, e bisogna fare attenzione a non pestare la dinamite che tappezza la strada con frittate scure molli o secche e maleodoranti. Per fortuna Bracco in testa al nostro gruppetto dà per tempo l’allarme ed inoltre, saputo del mio terrore per delle bestie così grosse e poco domestiche, anche se di credenziali mansuete, ma potrebbe comparire quando meno te l’aspetti anche un toro, si frappone fra me e questi animali terrificanti ogni volta che ci avviciniamo. Attorno a noi sui dossi morenici, ci accolgono prati di stelle alpine e frotte di bambini Feuersalamander-salamandra-salamandra_H_Krispchini riempiono le mani di mazzi di bianco lanoso.Al laghetto delle salamandre grande agitazione e grida e corse per catturare graziosi animaletti nero a macchie arancione quasi dolci alla liquirizia fra i ciuffi d’erba della riva.

Scivoli di granito grigionero, scivoli e cascate d’acqua spumosa, ghiacciai incastonati fra nere aguzze cuspidi coronano a semicerchio la valle. Il pizzo si erge al suo culmine, placido con la sua parete che volge a mezzogiorno e precipita nella valle solcato da superficiali canaloni d’acqua, i fianchi sorretti ad oriente da una bastionata di rocce e ad occidente digradanti mollemente sui pascoli erbosi, quasi ventre che accoglie ed abbraccia e seduce gli audaci a salire, le nevi biancheggianti alla sommità nella fulgida e immobile luce del mezzodì. Noi cinque e pochi altri compagni saliamo balzando su massi nerastri instabili, poi in fila indiana posando gli scarponi nell’ orma lasciata dal don che guida davanti. Nevai e pietraie si confondono con l’azzurro. Superiamo minuscoli laghetti d’acqua verdeazzurrina. Poi la vetta.

In vetta lo sguardo si apre a settentrione su altre montagne brune innevate, ancor più scoscese ed inaccessibili perché straniere, le nostre colonne d’Ercole. Euforici per la vittoria ci proponiamo di tornare per conquistarle una ad una. Il don scatta la foto. Sdraiati i piccoli sorridenti nella neve con berretti di lana, esultanti con picozze fra spruzzi di neve i più grandi in piedi. Una cima conquistata in gruppo con audacia. La scuola è finita. Le nostre strade ora si separeranno. Chi dottore, chi sindaco, chi ottico, chi fabbro. Ma non ci sono distanze fra noi. Tutti ricordiamo con nostalgia quella foto che ogni tanto riappare e nuovamente riconosciamo felici gli amici.

_______________________

Modena, 27 luglio 2011

Beretta Roberto

 :roll:   CUORE 150°

Liberamente ispirato al racconto “In campagna”, Lunedì 19 Giugno, Cuore, E. De Amicis

___________________________

Leggi il racconto su wikisource, clicca qui sotto:

http://it.wikisource.org/wiki/Cuore/Giugno/In_campagna

Cuore torna il  21 settembre

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>