Re Vittorio a Modena – II

Modena accoglie il nuovo re Vittorio Emanuele II nelle Ordinanze del sindaco Boni

L’ annessione del Ducato di Modena al Regno di Sardegna è stata appena promulgata. Il re Vittorio Emanuele II intende visitare i nuovi territori in Emilia. La notizia viene comunicata dal governatore Carlo Farini al Municipio.

Nelle ordinanze del sindaco si coglie la frenesia dei preparativi, l’ ansia per l’ incertezza e l’ imminenza del giorno della visita, il desiderio che nulla sia lasciato al caso, il tentativo di coinvolgere tutte le classi sociali nella festa.


Si comincia con l’ individuazione degli alloggi per i forestieri, la distribuzione di berretti alla guardia nazionale, la sospensione dei traslochi perché i carretti con le masserizie non deturpino il decoro e l’ estetica della città. 
La festa viene organizzata in ogni dettaglio, il programma della visita, il cerimoniale di accoglienza, l’ individuazione delle autorità presenti ed in quale luogo saranno sistemate, il percorso del corteo, i palchi, l’ arco di trionfo, il ballo al Teatro Municipale, l’ illuminazione notturna della città. Questa si rivelerà l’ asso nella manica della municipalità, uno spettacolo che deve aver tanto sbalordito il re, al punto da indurre il sindaco ad invitare privati e commercianti a fare uno sforzo insieme alla municipalità per replicare, inaspettatamente e per quanto possibile, lo spettacolo una seconda volta, e cioè la sera del secondo giorno dell’augusta visita. Non manca il timore che eccessi di entusiasmo possano scaturire incidenti indesiderati, si incoraggiano i cittadini a comportamenti dignitosi e contenuti, non si dimenticano i dettagli come su un palcoscenico, ed ecco quindi comparire istruzioni sul lancio di fiori, di corone, vietato agitare bandiere per non impaurire i cavalli possibile fonte di infortuni. Nessun cittadino deve essere escluso dai festeggiamenti, il municipio distribuisce pane e riso alle famiglie bisognose, elargizioni in denaro agli asili infantili ed all’ospizio dei malati.. Le ordinanze si succedono una dopo l’ altra, in un crescendo all’ avvicinarsi dell’ ora X, freneticamente nei giorni della visita, un fiume in piena, quasi una cronaca minuto per minuto, per informare e guidare il corpo cittadino nei festeggiamenti e nella loro riuscita, un’ anticipazione dei metodi dei moderni mass-media. 
Nei giorni seguenti la partenza del re le ordinanze procedono con ritmo più lento, a segnare il ritorno alla normalità. Si torna a parlare di bilanci finanziari, di entrate di beneficenza, di tasse da pagare per i festeggiamenti effettuati. Ma c’ è un’ altra ricorrenza, un’ altra festa alle porte. Il 13 maggio ricorre il XII anniversario dello Statuto e Modena, neonata città del nuovo regno vuole diventarlo civilmente a tutti gli effetti, e pertanto intende accoglierne la costituzione, considerata feconda di un avvenire felice, vuole far crescere gli animi nel culto delle istituzioni civili, invita le generazioni nate nel giorno della libertà ad unirsi ai patrioti che hanno patito sofferenze e dolori, per continuare idealmente e nel concreto la realizzazione dell’ Italia, con l’ augurio che lo Statuto venga presto esteso a tutta Italia. Niente di più profetico: negli stessi giorni, la sera del 5 maggio, Garibaldi ed i Mille erano salpati da Quarto.

Modena 6 maggio 2011

Beretta Roberto

______________________________________________________________________

Sintesi di alcune delle ordinanze del Sindaco di Modena per la visita di Sua Maestà Vittorio Emanule II

Fonte: Archivio Storico Comunale di Modena, Stampe 1860, Tomo 40, fogli 58, 59, 61, 62, 64,68, 69, 70, 71, 73, 74, 75, 76, 80, 81, 83, 84

1. Per la visita del re si prevede l’ arrivo in città di un gran numero di forestieri. Il sindaco ordina ai possessori di case di denunciare gli alloggi disponibili e di evitare di alterarne i prezzi. Quest’ ultima raccomandazione è rivolta altresì ai conduttori di fiacres, omnibus, carrozze perché non alterino le tariffe delle corse, pena la sospensione della licenza. [20 aprile 1860, foglio n. 58]

2. Vengono distribuiti 700-800 berretti per la Guardia Nazionale, circa 30-40 berretti per ogni compagnia. La distribuzione è accompagnata dall’ augurio che i villici “innalzino voti per la prosperità dell’ augusto regnante e per la felicità permanente di queste contrade” [20 aprile , n. 59]

3. Si annuncia una cerimonia per la benedizione delle bandiere ed il giuramento della Guardia Nazionale nella chiesa di Sant’ Agostino, martedì 24 aprile ore 8:30 [21 aprile, n. 61]

4. Della Guardia Nazionale fanno parte anche anche negozianti, bottegai, artigiani; a loro si ordina la chiusura degli esercizi dalle ore otto alla fine della cerimonia per “non essere indotti a mancare alla funzione per non abbandonare le rispettive botteghe” [23 aprile, n. 62]

5. Viene interdetta la circolazione a mezzi di trasporto carichi di masserizie (carri, carrette, barelle) per i traslochi che avvengono nei primi giorni del mese, in genere entro l’otto del mese, per non sovrapporre tale attività alla visita del re prevista per quei giorni [27 aprile, n.64]

6. Il due maggio la visita del re è imminente, è prevista per il pomeriggio del giorno successivo, il programma del ricevimento verrà pubblicato quando si avranno notizie più sicure [2 maggio, n.68]

7. Tre maggio. Con grande evidenza grafica si annuncia con certezza per la mattinata di domani (quattro maggio, venerdì) l’ arrivo del re. Il fragore delle artiglierie ed il suono delle campane annunceranno l’ avvicinarsi del convoglio reale alla stazione della ferrovia. Si esprimono preoccupazioni per l’ angustia del tempo e della continua contraria stagione. L’ ospite eccelso, il grande monarca sarà ricevuto dal corpo municipale in piena formalità. Il re entrerà in Modena attraverso la Barriera che porta il suo nome (in corso Vittorio Emanuele), il cancello più grande sarà aperto per la prima volta al passaggio del re. La guardia nazionale e le truppe faranno ala al corteo. Bande musicali e rappresentanti delle corporazioni saranno collocate sopra palchi allestiti dalla municipalità ai lati del corso. Il re passerà sotto l’ arco trionfale appositamente eretto dal Municipio, girerà a sinistra vero i Giardini Pubblici, proseguirà per corso Canal Grande, poi in via Emilia e giungerà alla cattedrale. Qui sarà accolto dal clero ed altre autorità (segue elenco). Sarà intonato un Te Deum di riconoscenza. Indi per via Emilia e Rua Granda (via Farini) il re giungerà al Regio Palazzo. Nel pomeriggio corso di carrozze sulle mura. La sera generale illuminazione della città con speciali luminarie in particolare in alcuni punti, Canal Grande, via Emilia, piazzetta Torre, Sant’ Agostino, piazzale di Porta Bologna. Al Teatro Municipale spettacolo approntato per la circostanza. Vi sarà generale elemosina con distribuzione di 24.000 buoni fra pane e riso per le famiglie bisognose, saranno distribuiti dal Municipio a mezzo dei parroci, inoltre elargizioni in denaro all’ Ospizio dei Cronici ed alla Commissione Asili Infantili affinchè anche le classi povere possano con animo più lieto associarsi alla pubblica gioia. Si fa appello a far mostra di dignitoso contegno, che il naturale entusiasmo e le ripetute prove del sommo affetto per quel grande re, non portino ad uscire dai limiti di fervida ma moderata manifestazione [3 maggio, n. 69]

8. Giungono notizie più precise: il re arriverà alla stazione ferroviaria fra le ore 9 e le ore 10 antimeridiane (arriverà in effetti alle 9:30). Le carrozze dei privati cittadini si disporranno in doppia fila lungo lo stradone esterno alla Barriera, si muoveranno ordinatamente una volta passato il corteo reale. La stazione è recintata ed è vietato accedere alla strada che porta al piazzale antistante, ad eccezione delle carrozze del Municipio, degli invitati, del servizio speciale a sua maestà e seguito. Consiglieri, sindaci dei comuni, funzionari comunali sono pregati di passare [al municipio] per ritirare i biglietti di invito su di un palco municipale eretto dirimpetto alla stazione. Non c’ è stato tempo per inviare gli inviti a domicilio. E’ possibile il lancio di fiori, ma vietato gettare mazzi o corone. E’ vietato agitare bandiere: i cavalli si impauriscono e possono accadere infortuni. [3 maggio, n. 70]

9. Quattro maggio. Si avvisa che sua maestà si recherà in serata alle otto ad osservare la generale illuminazione per lui approntata, ed alle nove onorerà della sua presenza il Teatro Municipale, dove lo spettacolo principierà con un ballo. [4 maggio, n. 71]

10. Cinque maggio. Alle cinque pomeridiane si attende il rientro di sua maestà dalla caccia di San Felice (rientrerà effettivamente alle 18:30). [5 maggio, n. 73]

11. Il sindaco invita privati e commercianti ad unirsi alla municipalità per ripetere, per quanto sia possibile, lo spettacolo dell’ illuminazione della città. [5 maggio, n. 74]

12. Si avvisa che la partenza del re per Reggio Emilia avverrà la mattina del giorno successivo alle nove circa. [5 maggio, n. 75]

13. I traslochi potranno precedentemente, potranno ora protrarsi fino al giorno dodici [7 maggio, n. 76]

14. Il sindaco invita a festeggiare solennemente domenica 13 maggio (con Te Deum, parata militare, corso di carrozze sulle mura) per la prima volta il XII anniversario dello Statuto, si auspica che i benefici si estendano a tutta quanta l’ Italia [11 maggio, n. 80]

15. Ancora si invita il popolo modenese a festeggiare lo statuto gridando “Viva il re” “Viva lo Statuto”, luminosa realtà, fecondo per l’ avvenire, si augura che gli animi crescano nel culto delle istituzioni civili, si invitano le generazioni cresciute al sole della libertà a stringere le mani ai vecchi martiri dell’ indipendenza che han vissuto a lungo per vedere questo giorno. [11 maggio, n. 81]

16. Il re a ricordo della vista alla città invia reale munificenza di 10.000 lire, di cui 4.000 da destinarsi agli Asili Infantili (la somma viene girata al Presidente della Commissione Asili Infantili), 6.000 ai poveri e specialmente agli infermi indigenti, di queste seimila lire, 300 andranno all’ Ospitale degli Infermi (Illustrissima Presidenza delle Opere Pie), le restanti 5.700 ai Parroci ed al Rabbino della comunità israelitica, la somma divisa in proporzione all’ effettivo numero degli indigenti a carico di ciascuno. [20 maggio, n. 83]

17. Copertura spese della pubblica festa (cioè del quattro maggio). Occorrono 40.000 lire. Di queste 30.000 lire saranno ottenute come sovraimposta con raddoppiamento delle tassa comunale ordinaria (2/3 entro il mese, 1/3 successivamente), 10.000 lire come tassa annuale sui Capitali in Commercio [24 maggio, n. 84]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>