Indottrinamento politico

Assieme al lavoro forzato i prigionieri di guerra italiani detenuti in Russia dovettero subire anche un vero e proprio indottrinamento politico, con l’obbiettivo di inculcare sentimenti di ostilità verso il fascismo (così i sovietici preferivano chiamare con unico termine il nazionalsocialismo di Hitler ed il fascismo di Mussolini), e selezionare quei prigionieri favorevolmente orientati alle idee comuniste ed in grado di diventare i futuri quadri dirigenti dei partiti comunisti europei, pronti a sostenere e diffondere il verbo del socialismo reale al momento del ritorno in patria.

Le scuole politiche dei prigionieri di guerra erano già state tentate con successo dopo la prima guerra mondiale, all’indomani della rivoluzione di ottobre, consentendo la formazione di alcuni importanti leader di partiti comunisti dell’est europeo. Il lavoro politico-educativo dei prigionieri fu affidato a comitati gerarchicamente strutturati che dipendevano dal Capo dell’Ufficio di propaganda politico-militare dell’URSS (Nkvd). Ruolo di cerniera determinante ebbero i fuoriusciti politici italiani, quasi sempre scelti fra i detenuti, in grado di relazionare per lingua e cultura con i connazionali detenuti nei lager. Sempre diretti da un ufficiale sovietico del Nkvd, conoscitore della lingua italiana, preposto alla propaganda, questi commissari politici, organizzavano conferenze nei campi di prigionia, a cui i prigionieri erano obbligati ad assistere, conducevano interrogatori al fine di ottenere dati anagrafici, informazioni sugli orientamenti politici dei prigionieri, sulla condizione socio-economica, l’attività professionale, il grado di istruzione, l’affinità ideologica con il comunismo, eccetera. Per ogni prigioniero di guerra veniva insomma costituito un vero e proprio dossier, l’importanza del quale ai fini del controllo dei detenuti è facile immaginare. Gli interrogatori, spesso privi di logica e qualche volta assimilabili a vere inquisizioni, con tanto di intimidazioni e minacce, assolvevano poi agli scopi propagandistici e di reclutamento di attivisti, mediante la “conversione” alla causa socialista. I risultati dell’intensa attività propagandistica dei commissari politici furono fallimentari fra i soldati della truppa, capaci di guardarsi attorno e vedere i risultati nefasti del socialismo reale nella condizione di arretratezza e di povertà delle popolazioni russe. Si dimostrarono invece più proficui tra gli ufficiali, dove il grado di adesione o di coinvolgimento con l’ideologia fascista, l’interesse per le questioni sociali e politiche, il livello di istruzione e la capacità di comprendere e valutare le idee socialiste, portarono ad una revisione critica delle proprie opinioni e certezze, fino a sfociare in qualche caso nell’abbraccio entusiastico della dittatura del proletariato e della lotta di classe. Fra gli ufficiali si registrarono dunque principalmente le conversioni, benché nel complesso interessarono solo un’esigua minoranza. Questi convertiti furono soprannominati gli “illuminati”, poiché uno di loro, scrivendo sul giornale distribuito ai prigionieri (vedi il prossimo capitolo), aveva ringraziato gli istruttori per avergli aperto gli occhi ed illuminata la mente. Gli illuminati più meritevoli furono mandati alla Scuola superiore di antifascismo a Mosca per seguire corsi di perfezionamento politico. Gli italiani furono una novantina. Tornavano in qualità di commissari istruttori, con divisa dell’Armata Rossa ed armi alla cintura. Nei campi sorsero anche comitati (club) antifascisti, i cui membri però, furono spinti ad aderire più dall’opportunismo, che dalla sincera adesione alla causa antifascista. Ma il principale strumento di educazione politica fu costituito dal giornale, dalla testata significativa e programmatica: “L’Alba”.

continua

__________________

151° Unità d’Italia, Modena, 6 febbraio 2012, Beretta Roberto

_____________________________________

 < Skol’ko Kaput? > < l’alba e le spie >

la Campagna di Russia 1941/43 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>