Operazione Barbarossa

Il 22 giugno 1941 Hitler, infrangendo il patto di non aggressione russo-tedesco, diede inizio all’operazione Barbarossa, l’invasione dell’URSS. In poche settimane carri armati e fanteria tedesca riuscirono a superare rapidamente le difese russe, colte di sorpresa. Mussolini, illuso da una facile vittoria e smanioso di sedersi al tavolo dei vincitori offrì aiuto militare alla Germania, peraltro infastidita di trovarsi a fianco di tale alleato. Il duce tuttavia insistette ed a sua volta dichiarò guerra all’Unione Sovietica. I tedeschi assecondarono di malavoglia l’aiuto italiano
ed i comandi militari accolsero fin dall’inizio le truppe italiane con un atteggiamento di diffidenza.

Il Corpo di Spedizione Italiano in Russia (Csir), costituito dalle divisioni Pasubio, Torino e Celere, al comando del generale Messe, fu approntato in tutta fretta e spedito in Russia, dove a tappe forzate, per gli sterminati spazi russi, raggiunse il fiume Dnestr, dove fu schierato a sostegno dell’esercito tedesco, che in questo punto aveva scarsi rinforzi. Per i soldati italiani i primi combattimenti iniziarono in Agosto. Fu subito chiaro ai comandi che il corpo di spedizione italiano non era all’altezza della situazione sia come qualità che come quantità degli armamenti e dei mezzi di trasporto. Carri armati inadeguati, artiglieria risalente al periodo della grande guerra, e già a quel tempo obsoleta, insufficienti gli autocarri per il trasporto delle truppe e dei rifornimenti, e spesso a secco di carburante, così da rendere necessari farseschi turni fra le divisioni per il loro utilizzo, così provocando il fenomeno della dispersione delle truppe e rendendo i collegamenti fra le stesse estremamente difficoltosi. In un primo tempo tuttavia, per l’impreparazione dell’esercito russo colto di sorpresa dall’invasione tedesca, alcune vittorie sul fronte del Dnepr aprirono la strada alla resa di Kiev, che fu accompagnata dalla cattura di centinaia di migliaia di prigionieri.

Ma i russi replicarono a questo punto la strategia che già aveva portato alla disfatta dell’esercito napoleonico: l’esercito russo infatti ripiegò di fronte all’avanzata nemica, lasciandosi dietro solo rovine, ponti e strade distrutte, piste impraticabili. Il corpo di spedizione italiano e l’esercito tedesco dovettero fare i conti con la disperata resistenza delle truppe siberiane, il terribile inverno russo, le sterminate pianure. Gli italiani, male equipaggiati, mancavano di viveri , avevano divise strappate, erano senza difese dal freddo, senza indumenti di lana, con scarpe rotte ed inadeguate, senza munizioni. All’inizio di dicembre il generale inverno impose l’arresto di tutte le operazioni belliche offensive ed i reparti tedeschi abbandonarono l’idea di conquistare Mosca entro l’anno.

_________________________

Modena, 7 Novembre 2011, Beretta Roberto

_________________

Continua lunedì prossimo 14 Novembre

La Campagna di Russia 1941/43

< Elli Carlo – Storia di un veranese caduto il giorno di Natale < — > L’Armata Italiana in Russia>

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>