Mio padre è stato per me

“l’assassino” (Umberto Saba). Saba ha conosciuto suo padre all’età di vent’anni, prima aveva sentito parlare di lui esclusivamente dalle labbra della mamma. Ella lo definiva un assassino, perché senza marito era costretta ad affrontare da sola e senza aiuto le difficoltà della vita. Il poeta si accorge invece che la descrizione che la madre gli aveva fatto, non corrisponde alla realtà. Egli riconosce nel padre un bambino, che ha il suo stesso sguardo, sorridente anche nella povertà, incapace di fermarsi in un luogo nel mondo, e di legarsi ad una donna. Il padre era sfuggito come un pallone che scompare nel cielo e che non è più possibile riprendere. L’io lirico 😐 si accorge più tardi del vero motivo della separazione dei genitori: la loro diversità caratteriale. Mentre infatti la mamma tormentava continuamente il figlio con la sua storia dolorosa, il papà, tanto simile a lui, gli insegnava a guardare il mondo con gli occhi di un bambino, condizione indispensabile per scrivere poesie. E il dono della capacità di scrivere è ciò che accomuna e fa riconoscere il figlio nel padre. (Silvia Beretta)

MIO PADRE E’ STATO PER ME “L’ ASSASSINO”

Mio padre è stato per me “l’assassino”,

fino ai vent’anni che l’ho conosciuto.

Allora ho visto ch’egli era un bambino,

e che il dono ch’io ho da lui l’ho avuto.

Aveva in volto il mio sguardo azzurrino,

un sorriso, in miseria, dolce e astuto.

Andò sempre pel mondo pellegrino;

più d’una donna l’ha amato e pasciuto.

Egli era gaio e leggero; mia madre

tutti sentiva della vita i pesi.

Di mano ei gli sfuggì come un pallone.

“Non somigliare – ammoniva – a tuo padre”:

ed io più tardi in me stesso lo intesi:

Eran due razze in antica tenzone.

 Umberto      Saba  

_______________________________________

151° Unità d’Italia, Modena 28 ottobre 2012, Beretta Silvia

_________________________________

 :roll: poesie

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>