Parlare di politica aumenta

        il rendimento scolastico

Sarebbe stato opportuno commentare oggi il decreto liberalizzazioni del governo Monti, che tanti elementi di riflessione politica offre ai cittadini italiani. Oppure stigmatizzare qualcuno dei drammatici aspetti di cronaca e di costume scaturiti dal tragico inchino della nave da crociera davanti all’isola del Giglio. I mass media hanno scandagliato ogni anfratto ed ogni particolare di queste due notizie e tutti abbiamo avuto modo di formare un’opinione. Mi ha incuriosito invece un articolo apparso questa settimana sull’inserto di uno dei massimi quotidiani nazionali, che mi permette di affrontare una questione di costume, di┬ápiù modesta e domestica┬ádimensione.

Nell’articolo citato viene riportato e commentato un dato, fra i numerosissimi offerti ÔÇô dato senz’altro marginale considerata la dimensione e la mole dei numeri presentati -, di uno studio statistico condotto dall’OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico), denominato PISA (Programma Internazionale per la valutazione (Assessment) degli Studenti), strumento appositamente creato per valutare il rendimento scolastico di studenti quindicenni delle principali nazioni industrializzate. Si tratta di domande a risposta multipla associate a un questionario su abitudini personali dello studente e della famiglia.

Ebbene secondo lo studio, parlare di politica e problemi sociali in casa almeno una volta alla settimana migliorerebbe il rendimento scolastico dei ragazzi quindicenni appartenenti alle famiglie in cui questo avviene rispetto a quello in cui non avviene. L’Italia si guadagna in questo un bel primo posto con un + 42 punti rispetto al punteggio medio degli altri paesi. Il coinvolgimento dei genitori ha un impatto positivo sul rendimento scolastico dei figli, anche attraverso la lettura in comune di libri almeno una volta alla settimana durante la scuola primaria: il divario di prestazioni è aumentato a favore dei lettori rispetto agli studenti i cui genitori non leggono libri con i figli nemmeno una volta alla settimana (con la lettura┬ál’Italia va un p├▓ meno bene).

Si direbbe la scoperta dell’acqua calda, poiché ogni genitore istintivamente sa, senza bisogno che qualcuno glielo dica, che il dialogo e la condivisone delle esperienze con i propri figli sono elementi necessari per suscitare la curiosità e la preparazione dei ragazzi alla vita, oltre che strumenti sufficienti a facilitare e consolidare la relazione genitori-figli. Ma adesso abbiamo anche il conforto di esperti mondiali, con tanto di cifre e numeri a supporto. Aggiungerei che, oltre al rendimento scolastico certificato dalle statistiche, il parlare continuamente con i figli di ogni argomento ed in ogni momento della giornata, il leggere testi insieme, il commentare la giornata di ciascuno, il condividere quanto più possibile le esperienze, nel rispetto dei differenti impegni di ciascun membro della famiglia, infine l’ascoltare musica e fare attività sportiva o passare il tempo libero insieme, aumenta la reciproca stima e fiducia ed è altresì garanzia di rapporti affettivi stabili felici e fruttiferi.

In conclusione, parlare di politica in famiglia almeno una volta alla settimana migliora il rendimento scolastico degli studenti┬áquindicenni. Ergo, sembra che la cosa migliore┬ásia rimanere costantemente sintonizzati su cittadiniditalia, che non fa mai mancare interessanti temi di discussione per grandi e piccini, adolescenti e giovani, madri e figlie, ed offre edificanti ed inedite letture a costo zero per tutta la famiglia. Leggere cittadiniditalia migliora pertanto il rendimento scolastico dei vostri figli! Parola dell’OCSE.

_______________

151° Unità d’Italia, Modena, 21 Gennaio 2012, Beretta Roberto

________________________________________________

Bibliografia: http://www.oecd.org/document/61/0,3746,en_32252351_32235731_46567613_1_1_1_1,00.html

 

┬áindice degli articoli di attualità┬ápubblicati

< La Consulta boccia i referendum <     > la rivolta dei forconi >  

151° Unità d’Italia Io ci sono

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>