Camillo Benso di Cavour

 

Camillo_benso_Conte_di_Cavour

Camillo Benso Conte di Cavour

Nacque il 10 agosto 1810 a Torino. Era il secondogenito del marchese Michele e di Adele di Sellon, di Ginevra. Camillo da giovane fu ufficiale dell’esercito. Nel 1831 lasciò la vita militare, viaggiando per quattro anni per l’Europa. Si interessò agli effetti della rivoluzione industriale in Gran Bretagna, Francia e Svizzera. Rientrò in Piemonte nel 1835 e si occupò soprattutto dell’ agricoltura e delle economie, ma si applicò anche nella diffusione di scuole e degli asili. Grazie all’attività commerciale e bancaria, egli divenne molto ricco. Nel 1850, essendosi messo in evidenza nella difesa delle leggi Siccardi che prevedevano l’abolizione del tribunale ecclesiastico, Cavour viene chiamato a far parte del gabinetto D’Azeglio come ministro dell’agricoltura, del commercio e della marina.

inaugurazione_ferrovia_torino_genova_1854Il progressivo consolidamento politico, economico e militare del Regno di Sardegna, spinse Cavour verso un’audace politica estera, capace di far uscire il Piemonte dall’isolamento. Inizialmente non appoggiò l’unificazione dell’Italia settentrionale sotto la monarchia sabauda, tuttavia in seguito avvertì la possibilità di allargare in senso nazionale la sua politica, aderendo al programma unitario di Giuseppe Mazzini. Il primo passo fu quello di imporre il problema italiano all’attenzione europea e a ciò Cavour mirò con tutto il suo ingegno: il 21 luglio 1858 incontrò Napoleone III a Plombières (Accordi di Plombières) dove vennero gettate le basi di un’alleanza contro l’Austria.

Il trattato ufficiale stabiliva che la Francia sarebbe intervenuta a fianco del Piemonte se l’Austria lo avesse aggredito e in caso di vittoria si sarebbero formati in Italia quattro Stati riuniti in una sola confederazione posta sotto la presidenza onoraria del Papa ma dominata sostanzialmente dal Piemonte. Oggi appare evidente che un simile trattato non teneva assolutamente conto delle aspirazioni unitarie della maggior parte della popolazione italiana, esso mirava unicamente ad eliminare il predominio austriaco dalla penisola.

Forte dell’ alleanza con i francesi, Cavour fece in modo di suscitare un conflitto con gli austriaci per ottenere l’ acquisizione del lombardoveneto (II guerra di indipendenza, 1859), senonchè i francesi, nonostante le vicende belliche favorevoli, stipularono con gli austriaci un’ armistizio (Villafranca), con la quale solo la Lombardia, ma non il Veneto, passava sotto il controllo piemontese. Deluso, Cavour si dimise da presidente del Consiglio, ma vi fece ritorno qualche mese più tardi, ottenne l’ annessione dei ducati di Parma e Modena e della Romagna, suscitò l’ irritazione dei francesi indicendo votazioni in Toscana che legittimarono l’ annessione di quest’ ultima al regno sabaudo, fu per tale motivo costretto a cedere alla Francia Nizza e la Savoia, tanto care al re Vittorio Emanuele.

cavour_foto_mayer&pierson_1850caIndebolito il suo prestigio da questa vicenda, preoccupato per le spinte repubblicane e rivoluzionarie che si concretizzarono con la spedizione dei Mille ed il tentativo di occupare militarmente lo Stato Pontificio, Cavour riuscì tuttavia a mutare gli avvenimenti in proprio favore, in senso moderato, ottenendo dai governi provvisori locali l’ istituzione di plebisciti a Napoli ed a Palermo, plebisciti che sancirono l’ annessione del Regno delle due Sicilie al Regno di Sardegna. L’abilità diplomatica di Cavour nel mantenere il consenso delle potenze europee e la fedeltà di Giuseppe Garibaldi al motto “Italia e Vittorio Emanuele” resero possibile la proclamazione del Regno d’Italia, il giorno 17 marzo 1861. Cavour fu il primo presidente del Consiglio del Regno d’ Italia. Morì nella sua città natale il 6 giugno 1861, a quasi 51 anni.

__________________________________________________

Modena, 30 giugno 2011

Francesco Ferraguti e Roberto Beretta

______________________________

 :roll: RISORGIMENTO

 :roll:  strade italiane

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>