Italianski Karasciò

Grazie al lavoro di tante associazioni, di studiosi, di volontari, di familiari dei caduti e dei dispersi, grazie alle testimonianze dei reduci, al ritrovamento di filmati, grazie soprattutto alle innumerabili fotografie e lettere da e verso il fronte conservate gelosamente in ogni casa italiana, le storie dei soldati italiani morti in Russia, riemergono incessantemente una ad una dal biancore glaciale delle steppe, cosi che ogni soldato, liberato dall’anonimato degli elenchi, può rivivere davanti a noi nel presente, e per sempre. Il sacrificio di questi piccoli grandi uomini riescono ad unire oggi idealmente ogni paese, ogni città d’Italia, ogni italiano in un’identica storia condivisa. Sabato 20 giugno tocca a Carpignano Sesia (Novara) dare la parola ai suoi (ai nostri) caduti.

ITALIANSKI KARASCIO’ :roll:https://www.facebook.com/italianskikarascio 

______________________________

Il 22 giugno 1941 Hitler lancia l’operazione Barbarossa, l’invasione della Russia. Mussolini, illuso da una facile vittoria e smanioso di sedersi al tavolo dei vincitori offre aiuto militare alla Germania, dichiara guerra all’Unione Sovietica, manda in fretta e furia un corpo di spedizione (Csir) di 60.000 uomini, costituito dalle divisioni Pasubio, Torino e Celere. Nell’estate seguente una seconda armata giunge in Russia, è formata dalle divisioni di fanteria Ravenna, Cosseria, Sforzesca, Vicenza e dal Corpo d’Armata Alpino composto da Tridentina, Julia e Cuneense. L’Armir, Armata Italiana in Russia, al comando del generale Gariboldi, è composta da più di duecentomila uomini (229 mila) male equipaggiati e quasi privi di mezzi militari. Di questi, settantacinquemila (75.000) muoiono in battaglia o nei campi di prigionia russi. La maggior parte è uccisa dal gelo e dalle forze russe durante la rovinosa ritirata dell’inverno del ’43.

________________________________________

154° Unità d’Italia, 16 giugno 2015, Beretta Roberto Claudio

________________________________________________