I referendum inesistenti

asino

Referendum su acqua, nucleare, legittimo impedimento sono stati indetti per il 12-13 giugno. Il potere esecutivo si affanna per evitare la consultazione popolare togliendo la parola ai cittadini, poiché teme la bocciatura di leggi che ha fatto approvare dal parlamento, e conseguentemente la bocciatura dell’ azione di governo. Invece i cittadini invocano il diritto, ed hanno il dovere, di esprimere la loro scelta su contenuti di grande importanza, nelle sedi nei tempi nei modi previsti dalla costituzione. Un buon amministratore non teme di sottoporre il suo operato al giudizio degli elettori, egli sa di aver agito per il bene della collettività; viceversa un cattivo amministratore si adopererà con ogni mezzo per sfuggire all’ opinione pubblica, in ciò svelando la malafede, perché sa di aver perseguito un interesse particolare, approfittando della posizione preminente e della fiducia dei cittadini.

Quali sono i mezzi messi in campo per sfuggire i referendum ?

1. ISOLAMENTO. I referendum non sono stati accorpati alle elezioni amministrative di maggio: la chiamata alle urne nelle comunali e provinciali, avrebbe inevitabilmente fatto raggiungere il quorum referendario ed abrogare le leggi in oggetto (il 15 maggio in Sardegna si è svolto un┬á referendum consultivo regionale sul nucleare con affluenza del 60%, gli elettori contrari all’ installazione di centrali e di siti di stoccaggio di scorie radioattive è stata del 98%; la volontà dei cittadini si è manifestata chiaramente); per ridurre ulteriormente l’affluenza si è aspettato la chiusura delle scuole così che molti saranno partiti per le vacanze, magari già prenotate, impedendo a questi cittadini di esercitare il diritto di voto, a meno di isolati onerosi eroici atti civili; il costo del mancato accorpamento dei referendum alle amministrative è di 300 milioni di euro;

2. MORATORIA. Questa settimana in parlamento verrà messa la fiducia sul decreto “omnibus” che riguarda la politica industriale fiscale ed energetica del paese; il decreto conterrà la modifica di alcune parti della legge sottoposta a consultazione referendaria; di fatto i cittadini non potranno più pronunciarsi sul nucleare, in quanto le parti oggetto della consultazione non esisteranno più nella legislazione, mentre le parti rimaste nella legge consentiranno al potere esecutivo la possibilità di un successivo ritorno al nucleare;

3. DISINFORMAZIONE. La televisione di stato (la Rai), servizio pubblico, non dà alcuna visibilità ai temi referendari, salvo eroiche eccezioni; le tribune elettorali con adeguati spazi alle posizioni dei favorevoli e contrari non sono nemmeno iniziate; Chi sa ad esempio quanti sono i quesiti referendari ? molti risponderebbero tre ! alcuni, smarriti, domandano se è vero che ce n’è un quarto! (è vero, i quesiti sull’ acqua sono due). Meglio ignorare e nascondere. I referendum non esistono. Meno informati, più sudditi.

Almeno sette buoni motivi per andare a votare

1. TRECENTO MILIONI DI EURO. Circola la notizia che questo sia il costo per chiedere l’ opinione degli elettori il 12-13 giugno (si sarebbero risparmiati quasi tutti con l’ accorpamento) : se il quorum non venisse raggiunto, abbiamo letteralmente buttato un sacco di soldi dalla finestra per non sapere niente, è come dire che abbiamo fatto una bella festa inutile arrivederci e grazie;

2. DIRITTO COSTITUZIONALE. L’ esercizio della volontà popolare mediante referendum è un diritto sancito dalla costituzione, chi invita a non andare a votare si pone al di fuori della legalità costituzionale; rinunciare al voto è rinunciare a scegliere con la propria testa e consegnare la decisione sulla qualità della propria vita ad altri;

3. UGUAGLIANZA, SICUREZZA, DIRITTO ALLA VITA. Gli argomenti sono vitali perché toccano diritti fondamentali: Uguaglianza [tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono uguali davanti alla legge, art. 3 della costituzione] – Sicurezza [le centrali nucleari presentano rischi ed incognite che non tutti sono disposti ad accettare] – diritto alla Vita [non c’ è vita senza l’ acqua (che in futuro si vuole essere erogata da privati)];

4. ETICA DEL VOTO. La mia rinuncia a votare confluisce in un mare magnum contenente chi è legittimamente impedito a votare per ragioni anagrafiche di salute o di lavoro, chi non è riuscito a formare un proprio convincimento, per pigrizia o colpevole assenza di informazione del servizio pubblico e dell’ esecutivo, gli indifferenti, i qualunquisti, i vacanzieri, chi ha già prenotato le vacanze, et cetera. Questo mare di non voto viene considerato come un no all’ abrogazione, mentre invece è un non so, un non capisco, un non mi interessa, un non posso, un ho già pagato la prenotazione, un non voglio, un chissenefrega. Si tratta di fuga, di codardia o di furbizia: poiché so che probabilmente la stragrande maggioranza di chi si impegna faticosamente a farsi un opinione su questi delicati temi, non la pensa come me e quindi non sono in grado di superarli in terreno aperto con il voto, allora non combatto e scappo tanto so che c’è una maggioranza di indifferenti che mi salveranno con il non voto.

5. VIRTU’ CIVILE. Votare è rispettare l’ altro e le sue opinioni, è esercizio di maturità democratica, e ciò conta incommensurabilmente di più dei contenuti e dell’ esito stesso del voto: io mi confronto con pacatezza e sono in grado di accettare l’ opinione dell’ altro, diversa dalla mia, anzi da questo momento in avanti mi adopererò per realizzare nel concreto l’ altro progetto, questa è vera partecipazione, il tempo sarà giusto giudice;

6. DEMOCRAZIA DIRETTA. I referendum sono l’ unico strumento di democrazia diretta previsto dalla costituzione, se vi rinunciamo, perdiamo uno dei diritti fondamentali garantiti dalla Stato: la libertà;

7. CONTINUA TU …

Modena, 24 maggio 2011

Beretta Roberto

_____________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>