Per il nucleare

Non è facile orientarsi per il voto ai referendum. La prosa del legislatore è incomprensibile ai più, quel poco di informazione sui contenuti che ci giunge è spesso inquinata da pregiudizio e partigianeria, e poi non ci si può nascondere che il voto assumerà inevitabilmente un significato politico. Il raggiungimento del quorum e l’ abrogazione delle leggi oggetto del referendum sarà intesa come bocciatura dell’ azione del governo, al di là dei contenuti specifici dei quesiti referendari. D’ altra parte bisogna formarsi un opinione ed andare a votare, perché i temi trattati sono di rilevante importanza nella nostra vita.Come comportarci ? La linea guida è che bisogna decidere con la propria testa: noi in prima persona siamo fabbri del nostro destino. Oggi il tema all’ attenzione è il nucleare. L’ autosufficienza energetica è indispensabile per la sicurezza e lo sviluppo. Domandiamoci se siamo disposti ad accettare di produrre energia con l’ atomo. La scelta presenta vantaggi e svantaggi. Rischi e benefici. Come spesso accade nella vita non è tutto nero o tutto bianco. Qualsiasi delle due strade imboccheremo, dovremo accettare qualche sacrificio. Non bisogna avere paura di scegliere. E naturalmente si può anche sbagliare. Litigare non serve. Ecco un piccolo contributo alla decisione. Prima i vantaggi delle centrali nucleari, domani gli svantaggi.

Vantaggi del nucleare:

  1. SICUREZZA NEL TRASPORTO E TRATTAMENTO DELL’URANIO. Da una piccola quantità di uranio si ottiene una elevata quantità di energia. Occorre spostare ed immagazzinare poco combustibile: ciò riduce i rischi legati al trasporto, al trattamento ed all’ immagazzinamento del combustibile stesso, pensiamo invece ad esempio ai numerosi incidenti di fuoriuscita di greggio dalle petroliere, o alle raffinerie necessarie per trattare il greggio con relativo impatto ambientale ed emissioni di inquinanti, oppure alle polveri generate nelle centrali a carbone.
  2. ZERO ANIDRIDE CARBONICA. La produzione di energia nucleare non genera emissioni di anidride carbonica. Non contribuisce perciò all’ effetto serra ed al riscaldamento del pianeta, le cui conseguenze sono abbastanza note a tutti.
  3. RIDUZIONE DIPENDENZA ENERGETICA DAL PETROLIO. Si riduce la dipendenza della nostra economia dalle importazioni di petrolio e gas naturale e carbone. Si assicura il fabbisogno energetico del paese mettendolo al riparo da eventi internazionali (vedi l’ attuale guerra in Libia).
  4. ENERGIA A BASSO COSTO. Il costo per la produzione di un kilowattora di energia elettrica dall’ atomo è confrontabile con quello dal petrolio gas o carbone, è circa la metà dell’ eolico, circa un decimo o un ventesimo del solare fotovoltaico (!).
  5. ELEVATO LIVELLO DI SICUREZZA. Le centrali di ultima generazione a detta dei tecnici del settore garantiscono un elevato livello di sicurezza. Qui però bisogna fare un atto di fede.

Modena, 4 giugno 2011

Beretta Roberto

___________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>