Quorum e quattro SI 95%

VOTANTI = 57 %

_______

ACQUA PUBBLICA 95,35 %

TARIFFA ACQUA 95,80 %

NUCLEARE 94,05 %

LEGITTIMO IMPEDIMENTO 94,62 %

________________________

sito del viminale http://elezioni.interno.it

I CITTADINI BATTONO IL GOVERNO 4 – 0

Il voto degli italiani sancisce che i cittadini non sono più in sintonia con il governo. I primi hanno esercitato democraticamente il diritto-dovere del voto, il presidente del consiglio è andato al mare ed ha consigliato di fare altrettanto. Gli italiani non l’ hanno seguito e sono andati alle urne. La coscienza civile degli italiani ed il comportamento antidemocratico del capo del governo sono riusciti contro ogni aspettativa a far raggiungere il quorum, cosa che non avveniva da quasi vent’ anni nei referendum. Abbiamo assistito ad una mobilitazione e ad una prova di maturità civile che pensavamo frustrata e spenta dopo vent’ anni di populismo.

La vittoria dei sì è resa più eclatante dal sabotaggio dei referendum messo a segno con vari trucchetti, dallo spostamento della data referendaria (a proposito chi paga adesso i 300 milioni ?), al tentativo di modificare la legge sul nucleare per annullare il referendum, dal ricorso alla consulta all’ invito ad andare al mare da parte di uomini delle istituzioni (!), infine al silenzio ed alla propaganda dei media controllati.

Quattro quesiti sull’ azione di governo, e su leggi importanti, sono stati sottoposti al giudizio del corpo elettorale, quattro volte i cittadini hanno detto no alle scelte dell’ esecutivo. Può questi continuare a guidare la nazione ignorando le scelte degli italiani ? Certamente non può far finta di niente e continuare come se nulla fosse successo.

Chiara è la risposta degli elettori ai quesiti referendari. Da domani chi guida il paese, ha il dovere di scegliere e promuovere rapidamente una nuova politica energetica che non sia basata sul nucleare, deve porre mano alla gestione dell’ acqua, che rimane a carico dell’ ente pubblico, per rinnovare la rete idrica ed evitare gli sprechi di questa risorsa. Infine chi guida il paese deve sottoporsi ai processi nei tribunali, come fa ogni altro cittadino, senza ricorrere a mezzucci ignobili per sottrarsi al giudizio. Se gli impegni di governo non consentono di presentarsi nei tribunali, non restano che le dimissioni. Il paese non può seguire il destino di  un uomo solo.

Modena, 13 giugno 2011

Beretta Roberto

_________________

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>